Malta – La Fondazione Karl Vella

In questi giorni, ho avuto la grazia di incontrare la Fondazione Karl Vella. Karl Jacob Vella nacque il 6 maggio 1976. Era un uomo gentilissimo e pieno di energia positiva. Amava la vita e ne era convinto di fare ogni momento fruttuoso. Quando Karl lasciò la scuola tentò molti lavori. Ma si stabilì come aiutante infermieristico in un reparto pediatrico. Amava i bambini ed era diventato lo scopo della sua vita quello di aiutare i suoi pazienti ammalati e di rendere il loro soggiorno in ospedale il più piacevole possibile. Utilizzò tutto quello che incontrò per portare un sorriso ai volti dei bambini piccoli. Essendo un uomo gentile e premuroso Karl nutriva principi forti per tutto quello che è giusto. Per conseguenza di tutto ciò, diventò un rappresentante del sindacato per potere esprimere le preoccupazioni dei suoi compagni assistenti infermieristici nell’ospedale. Gli piaceva aiutare in ogni modo che poteva e non avrebbe tollerato mai l’ingiustizia di qualsiasi tipo. Karl si sposò nel 2002 ed ebbe due figli. Erano la pupilla dei suoi occhi e la famiglia era sempre l’elemento più importante nella sua vita.

Quando gli fu diagnosticato un cancro, nel 2008, la vita divenne più importante per lui che mai. Oltre a usare la sua positività per combattere la sua malattia Karl fece come il suo obiettivo nella vita quello di aiutare gli altri in qualsiasi modo egli potesse. Infatti, offrì il suo sostegno ai malati in ospedale visitando loro, chiamandoli o semplicemente inviando un SMS con parole di incoraggiamento. Aveva una lista infinita di amici su Facebook coi quali chattava nei giorni quando fu costretto a rimanere a casa. Così, Karl si ispirava con le sue parole di saggezza e di incoraggiamento. Aveva anche chiesto a questi stessi amici le loro preghiere che lo aiutavano parecchio a sentirsi più forte di fronte a questa malattia terribile. Fu anche la gioia di Karl sostenere altre fondazioni come Puttinu Cares, Hospice e id-Dar tal-Providenza. Karl aiutò anche il Mission Fund. Karl aiutò tali istituzioni a raccogliere fondi. Ha sempre sentito che gli altri erano più bisognosi di lui.

La preghiera era anche una parte molto importante della vita di Karl. In realtà egli pregò e incoraggiò gli altri a pregare anche, sia per se stesso e anche per i loro propri bisogni. Soprattutto, Karl incoraggiò le preghiere per la pace. Karl si sentiva sconvolto quando vedeva persone innocenti che soffrivano a causa della guerra. All’inizio della sua malattia, si dedico alla fotografia. La sua macchina fotografica e l’apprezzamento dell’architettura e la ricchezza del patrimonio storico maltese, lasciato dai nostri antenati, gli ha dato molto piacere per rilassarsi. La fotografia lo aiutò a catturare il momento e instillò in lui un profondo apprezzamento per la bellezza che ci circonda. Karl era talmente un uomo pieno di coraggio che ha lasciato un segno sulla vita di tutti coloro che ha incontrato. Anche se aveva tantissimi progetti e sogni per il suo futuro non poteva mai essere in grado di adempierli. Infatti, Dio lo chiamò alla sua dimora celeste il 16 febbraio 2014 nell’età di 37 anni. Ciononostante, la sua eredità ora vive attraverso la Fondazione che aspira a continuare con il suo spirito generoso attraverso la sua missione, cioè di fornire sostegno educativo e psicologico ai bambini in famiglie sconvolte dalla malattia.

La Fondazione Karl Vella (V/O 0992) è stata istituita per fornire assistenza educativa e psicologica ai bambini in famiglie interrotte dalle gravi malattie di un membro della famiglia. Troppo spesso, nelle situazioni in cui un membro della famiglia è malato seriamente o cronicamente malato, il centro dell’attenzione nella famiglia si sposta completamente sulla persona malata. Questo è naturale. Gli altri membri della famiglia devono adattarsi alla situazione. Le famiglie affrontano queste situazioni al meglio che possono. Quello che spesso succede ai bambini in queste situazioni è che sono seguiti dai parenti, dagli amici e da chiunque provvede all’assistenza di queste famiglie. Il risultato è che spesso, senza assolutamente essere la colpa dei genitori/tutori, questi bambini finiscono per sentirsi isolati, dimenticati e soli. Nonostante i migliori sforzi compiuti per assicurarsi che siano ben custoditi.

La Fondazione Karl Vella sta cercando di affrontare le problematiche vissute dai bambini in queste circostanze, creando un ambiente accogliente per loro presso il loro centro di Attard. Lì sono incoraggiati ad andare a trascorrere un po’ di tempo, mentre i loro genitori o fratelli stanno ricevendo il trattamento terapeutico o quando sono in ospedale. In questo centro di Attard, i bambini saranno assistiti nei loro compiti dai volontari della Fondazione. Quando si è ritenuto necessario questi bambini sono anche aiutati psicologicamente ed emozionalmente dai consulenti. Il centro è dotato di strutture adatte alle varie età dei bambini nelle nostre tappe di sviluppo.

Ci sono modi in cui uno può aiutare nella missione della Fondazione Karl Vella. Infatti, essa è sempre attivamente alla ricerca di volontari per far parte del suo team che include una varietà di persone provenienti da diversi percorsi di vita. Come si può immaginare, la Fondazione richiede anche una notevole quantità di fondi per rimanere operativa. Donazioni, sponsorizzazioni e raccolte fondi possono contribuire a mantenere il suo centro di assistenza per i bambini provenienti da famiglie colpite dalla malattia. Qualunque sia la scelta i membri della Fondazione Karl Vella, vogliono ringraziarvi per il vostro sostegno, senza il quale nessuno dei loro lavori sarebbe possibile. La Fondazione Karl Vella mi fa ricordare le grandissime parole di San Paolo agli anziani di Efeso: In tutte le maniere vi ho dimostrato che lavorando così si devono soccorrere i deboli, ricordandoci delle parole del Signore Gesù, che disse: Vi è più gioia nel dare che nel ricevere! (Atti 20,35).

di Fra Mario Attard

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*