Messina – ‘Dalle radici alle foglie’: ‘Vento dello Stretto’ chiama a raccolta la destra diffusa e non solo

Giorgio Almirante

Sarà un’occasione per rincontrarsi e confrontarsi. Per capire cosa sia rimasto degli ideali del Movimento Sociale. Dove si dirige oggi la destra che negli anni si è divisa in tanti rivoli. Il Movimento Vento dello Stretto, con il patrocinio della Fondazione Alleanza Nazionale, organizza al PalaCultura di Messina, una ‘due giorni’ di dibattito e confronto politico attorno a una mostra che ricorda tutti i momenti che ha attraversato la Destra. Sabato 11 e domenica 12 gennaio la mostra-convegno ‘dalle Radici alle Foglie’ sulla storia della Destra politica italiana: da Giorgio Almirante a Giorgia Meloni passando attraverso le esperienze del MSI, di AN, di FDI e dei Movimenti e delle associazioni di area che, nel tempo, hanno tenuto accesa la Fiaccola. Un evento a cui sono invitati quanti hanno a cuore le sorti della Città, della Provincia e del nostro Paese condividendo i valori di una destra che è cambiata ma che è tutt’altro che superata.

All’evento, parteciperanno esponenti della destra politica locale e nazionale di oggi e di ieri da Nello Musumeci a Ignazio La Russa, da Enrico Trantino a Francesco Storace, da Manlio Messina a Salvo Pogliese da Roberto Menia a Gianni Alemanno, da Francesco Lollobrigida a Giovanni Donzelli, da Basilio Catanoso a Mimmo Nania e tanti altri. L’iniziativa nasce da un’idea dell’avv. Ciccio Rizzo, esponente della destra messinese già consigliere comunale di AN a Messina e candidato alle Europee 2019 in FdI, promossa dal Movimento Vento dello Stretto, presieduto dall’avv. Piero Adamo già consigliere comunale di Messina e dirigente di Azione Giovani e Azione Universitaria, con il prezioso contributo di Tuccino Sapienza, già consigliere comunale del MSI di Sant’Agata di Militello, e del dott. Pippo Azzolina, esponente del MSI/AN di Messina, già presidente dell’VIII Quartiere che ha curato la mostra fotografica al centro dell’evento.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*