Pavia – Eseguito impianto nuovo sistema neuro stimolazione in paziente affetto da Parkinson

Close up hands of senior elderly woman patient suffering from pakinson's desease symptom. Mental health and elderly care concept

Per la prima volta in Italia, è stato impiantato su un paziente affetto da Parkinson un nuovo sistema di neurostimolazione. L’intervento è stato effettuato con successo il 31 gennaio grazie alla collaborazione tra il Centro Parkinson della Fondazione Mondino di Pavia e la Neurochirurgia Funzionale dell’Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano. “Il neurostimolatore – si legge in una nota diffusa da Mondino e Galeazzi – è l’unico sistema di stimolazione cerebrale profonda in grado di rilevare ‘online’ l’attività dei neuroni cerebrali direttamente dagli elettrodi impiantati, mentre viene somministrata la terapia (stimolazione elettrica) a pazienti con Parkinson. In questo modo, si realizza un monitoraggio continuo degli eventi cerebrali in ‘real-life’”. Questi segnali possono essere registrati e memorizzati sul dispositivo: “In questo modo, il tracciamento dell’attività cellulare consente una correlazione con lo stato clinico, con eventuali effetti collaterali associati alla terapia farmacologica e con eventi della vita quotidiana segnalati dal paziente”.

L’applicazione di questo nuovo sistema può aprire nuove frontiere per la cura dei malati di Parkinson, soprattutto dovrebbe garantire cure più personalizzate, spiegano gli esperti della Fondazione Mondino di Pavia e dell’Istituto Galeazzi di Milano che, riferiscono, hanno effettuato questo impianto per la prima volta in Italia. “Questo dispositivo è un punto di svolta – afferma Claudio Pacchetti, direttore del Centro Parkinson della Fondazione Mondino di Pavia –, ci avvicina davvero all’idea di una medicina personalizzata e rappresenta un passo significativo verso una nuova tipologia di stimolazione cerebrale che in futuro si adatterà autonomamente alle richieste di benessere del paziente”. (Ansa)

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*