Malta – Gli hotel offrono le loro stanze vuote agli operatori sanitari

Due hotel hanno offerto le loro stanze vuote agli operatori sanitari, sollecitati da un albergatore maltese affinché le autorità sostenessero altri stabilimenti disposti a fare lo stesso. Mercoledì 18 marzo, il gruppo Pebbles e MedAsia hanno aperto 17 camere in un’ala appartata del loro Hotel Pebbles a Sliema, così come altre cinque camere in un appartamento in affitto, agli operatori sanitari bisognosi. Il manager Hezron Muscat ha spiegato che, poiché erano chiusi al momento a causa della situazione attuale del Coronavirus, erano più che felici di aiutare coloro che nel settore sanitario stavano prendendo precauzioni contro l’infezione delle loro famiglie. Stavano raggiungendo coloro che non potevano permettersi un alloggio alternativo, principalmente infermieri, aiutanti e assistenti, ha detto. Da quando il mio collega ha pubblicato il post su Facebook, il telefono non si è fermato e le stanze sono state quasi tutte occupate, ha detto Muscat. Gli hotel Pebbles di Sliema e Buġibba offrono anche camere e pasti ai propri dipendenti, dal momento che molti di loro lavorano solo con orari ridotti e non possono permettersi l’affitto, ha continuato. Finora, abbiamo otto o nove persone che si sono trasferite in hotel poiché i loro proprietari non ridurrebbero l’affitto, ma ci aspettiamo di averne molti altri nelle prossime due settimane, ha affermato Muscat.

Nel frattempo, i proprietari di una boutique presso l’hotel a Sliema, che hanno preferito non essere identificati, hanno raggiunto un accordo con i proprietari dello stabilimento per rinunciare all’affitto per i prossimi mesi, a condizione che vengano offerte 10 camere vuote per gli operatori sanitari. Sento che sia giusto che questi infermieri e medici possano usare questi posti in modo che non vadano a casa e infettino le loro famiglie, nel caso in cui abbiano il virus, ha detto uno dei proprietari. Stanno cercando di raggiungere un accordo simile con gli inquilini che gestiscono un altro stabilimento di 100 camere. Insieme ai suoi soci, l’albergatore esperto Winston Zahra che dirige il GG Hospitality nel Regno Unito, ha offerto circa 170 camere agli operatori sanitari in Gran Bretagna. Egli crede che ci siano benefici sia economici che sociali da ottenere da una simile mossa. Se le autorità supportassero gli hotel sul libro paga, manterrebbero le persone occupate, che è la cosa più cruciale in questo momento, ma consentiranno loro anche di essere al servizio della comunità più ampia.

Mentre Zahra ha sottolineato che iniziative come queste avevano un senso, ha anche messo in guardia contro l’obbligo di stabilimenti per farlo. Penso che la cosa importante da ricordare qui sia che il livello di azione che un hotel può intraprendere dipende, in realtà, dalle sue risorse. Molto si ridurrà al tipo di supporto che questi hotel saranno forniti per pagare i salari dei dipendenti, perché “il costo maggiore negli hotel è il libro paga”, ha detto. Penso che la cosa importante da ricordare qui sia che il livello di azione che un hotel può intraprendere dipende, in realtà, dalle sue risorse. Molto si ridurrà al tipo di supporto che questi hotel saranno forniti per pagare i salari dei dipendenti, perché il costo maggiore negli hotel è il libro paga, ha detto Zahra. Come dice benissimo l’attrice, produttrice cinematografica e regista statunitense, Angelina Jolie: “Un gesto di solidarietà è spesso una goccia nel mare. Ma a forza di versare gocce, il mare si può anche riempire”.

di Fra Mario Attard

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*