Malta – Il Palazzo di San Anton

Recentemente, ho avuto la grazia di visitare, con tre dei miei confratelli cappuccini, la presidente della Repubblica di Malta, s.e. Marie Louise Coleiro Preca. Prima di avere il colloquio con la nostra bravissima presidente, ho avuto la grazia di ammirare la magnifica dimora dove lei abita. Devo dire che il posto, che si chiama il-Palazz ta’ San Anton (Palazzo di Sant’Antonio) ha una storia assai affascinante come gli altri luoghi storici di Malta e Gozo. Originariamente, questo palazzo fu costruito come residenza estiva dal cavaliere Fra Antoine De Paul all’inizio del XVII secolo. Quando divenne il XIII Gran Maestro di Malta nel 1623, ingrandì i giardini attorno al palazzo. Fu usato dai diversi governatori inglesi che Malta ebbe durante il suo capitolo britannico. Guardando questo palazzo si può notare che riflette la vita in cui erano abituati i cavalieri di San Giovanni, soprattutto De Paul che era estremamente ricco.

La sua grandezza è anche la prova che fu costruita durante un periodo in cui il Barocco non aveva ancora influenzato l’architettura maltese, sebbene avesse una certa eleganza. Il Gran Maestro De Paul era molto amato dai maltesi perché era di buon cuore. I maltesi lo chiamavano de Pawla e quando decise di costruire un nuovo villaggio appena fuori Vittoriosa, lo chiamarono Casal Pawla. Tuttavia, de Paul non era popolare tra i cavalieri poiché era considerato un Gran Maestro molto controverso. Fu infatti accusato di corruzione per diventare Gran Maestro. Molti cavalieri criticarono la sua amicizia con una signora che occupava una villa nelle vicinanze del Palazzo di San Anton. Come membro di un ordine religioso i suoi membri erano legati al voto di castità e questa amicizia era considerata scandalosa. Nel complesso del Palazzo, si trova la cappella Russa. Questa bella cappella fa parte dell’edificio che è stato aggiunto durante il regno britannico e costruito a forma di croce che esalta l’architettura classica.

È stato costruito durante la metà del XIX secolo, quando lo stile neoclassico fu molto in voga nel nostro paese. Questo stile fu introdotto dagli inglesi quando il barocco fu considerato antiquato ed esagerato nella misura in cui non era più elegante, a differenza dello stile classico. Questa chiesa è stata soprannominata la Cappella Russa, per le funzioni religiose ortodosse presenti in essa. Quando il secondo figlio della regina Vittoria, Alfred Ernest Albert, era di stanza a Malta con sua moglie, la granduchessa Maria Alexandrovna, si stabilirono al Palazzo San Anton, e la cappella fu adattata alle esigenze religiose della granduchessa, che era una cristiana ortodossa russa. Questa cappella è stata recentemente restaurata e impreziosita da numerosi oggetti e decorazioni che si abbinano a questo ambiente.

Un’altra perla nella struttura del Palazzo di San Anton è la cappella della Madonna del Pillar, che è la Santa Patrona dei cavalieri di Castiglia e Portogallo. La cappella fu costruita durante il periodo del Gran Maestro Vilhena appartenente ai cavalieri di Castiglia e Portogallo. Le pareti e il soffitto della cappella sono splendidamente decorati. Recentemente è stata restaurata ed aperta durante il giorno per l’adorazione perpetua quotidiana della Santa Eucaristia. Durante il restauro negli ultimi anni è stato trovato un affresco in una nicchia nel muro che raffigura uno scenario incantevole.

Un altro dettaglio nel palazzo San Anton è la sala che ha una splendida vista sui giardini. L’intradosso di questa stanza è fatto di metallo martellato che è stato fabbricato presso il Malta Drydock (Il Cantiere di Malta). I lampadari in questa stanza sono stati realizzati localmente e nessuno di essi è uguale. Tra gli interessanti dipinti di questa sala spicca, in particolare, la scuola di Preti che rappresenta un’immagine della Madonna. Nella stanza dove c’è il piano forte si notano, in particolar modo, i dipinti dell’artista messicana Morlete Ruiz, che presentano scene di vari porti importanti. Questi dipinti erano un dono per l’Ordine di San Giovanni. In questa stanza si trova anche la poltrona su cui Papa Benedetto XVI si è seduto durante la sua visita a Malta.

Fino a pochi anni fa, la sala da pranzo era utilizzata come cucina del palazzo. Questa è stata recentemente convertita in una sala da pranzo che può ospitare circa 30 persone. In questa stanza, troviamo anche un lampadario di produzione locale simile a quello nella stanza che si affaccia sul giardino. Ci sono anche 4 dipinti raffiguranti i quattro apostoli dell’artista maltese Gużeppi Calì. Questi, insieme al resto del gruppo dei 12 apostoli, furono originariamente dipinti per la cattedrale anglicana a La Valletta. Quando gli inglesi lasciarono Malta, nel 1979, su insistenza del direttore dei musei, Padre Marius Zerafa OP, questa serie di dipinti fu lasciata in dono al popolo maltese.

Successivamente, c’è l’ufficio del presidente della Repubblica. Da questo ufficio, i funzionari della pubblica amministrazione hanno fatto il giuramento dal presidente. Il presidente accoglie i suoi ospiti informalmente in questa stanza. La stanza è dedicata a Sir Anthony Mamo che fu l’ultimo governatore di Malta. Sir Anthony Mamo fu l’ultimo rappresentante della regina Elisabetta II, che fu il capo di Malta tra l’indipendenza nel 1964 e l’emendamento della Costituzione quando Malta divenne una Repubblica nel 1974. Quando Malta divenne una Repubblica, Sir Anthony Mamo divenne il primo presidente. Il resto dei dipinti di Gużeppi Calì, che rappresentano gli apostoli, si trovano in questa stanza, tranne uno che fa parte di una collezione privata. I due lampadari in questa stanza erano anch’essi fabbricati localmente.

È interessante dire qualche cosa sulla parte privata del palazzo dove vive sua eccellenza. Un corridoio ci conduce alla parte privata del palazzo che è la residenza del presidente. Nella Sala dei Grandi Maestri, si possono trovare numerosi dipinti dei Grandi Maestri che governarono Malta. Il dipinto del Gran Maestro Antoine de Paule si trova nel luogo più centrale e prominente della sala. Altri ritratti raffigurano il Gran Maestro Alof de Wignacourt che finanziò la costruzione delle torri di Comino, San Luciano, San Tommaso, Baia di San Paolo e quella di Zabbar che non esiste più. Questo gran maestro è anche noto per il gran numero di chiese che costruì dedicandole a San Paolo per accrescere la devozione verso questo santo che, nel 60 d.C. naufragò sull’isola. Ma soprattutto Wignacourt rimarrà noto per la costruzione degli acquedotti che hanno portato l’acqua tanto necessaria a La Valletta.

Troviamo anche un dipinto del Gran Maestro Emmanuel Pinto che governò Malta per 32 anni. Istituì la Scuola di Medicina e l’Università. Costruì anche dei magazzini lungo il porto per aumentare il commercio e ricostruì l’Auberge de Castille. Difese la sovranità di Malta e per mostrare la sua autorità ribattezzò la città di Qormi come Città Pinto. Altri dipinti raffigurano il Gran Maestro De Rohan che ha ribattezzato Żebbuġ come Città Rohan e il Gran Maestro Antonio Manoel de Vilhena che finanziò Forte Manoel. Il Gran Maestro Manoel de Vilhena costruì anche il Teatro Manoel e la Banca Giuratale a Mdina e Victoria Gozo. Costruì un certo numero di palazzi e svolse un ruolo importante nella costruzione del sobborgo di Floriana. Un altro dipinto raffigura il Gran Maestro Francisco Ximenes de Texada che era conosciuto come uno dei più crudeli Gran Maestri a Malta. Il distacco tra lui e il popolo maltese fu così grande che portò all’insurrezione del clero maltese, guidato da Don Gaetan Mannarino, contro l’Ordine di San Giovanni.

L’ultimo dipinto di cui parleremo descrive l’ultimo Gran Maestro di Malta, il tedesco Ferdinad Von Hompesch, che durante i suoi sei mesi di governo trasformò tre villaggi in città. Zabbar che la battezzò come Città Hompesch, Siggiewi come Città Ferdinad e Żejtun come Città Beland. Hompesch fu amato da molti maltesi ed era l’unico Gran Maestro a parlare maltese. Tuttavia, sei mesi dopo essere diventato Gran Maestro, fu estromesso da Napoleone Bonaparte. Nell’ingresso che conduce a queste stanze, ci sono quattro busti di marmo bianco che, originariamente, ornavano l’esterno del Teatro Reale dell’Opera a La Valletta. Questi busti furono salvati dalle rovine dei bombardamenti. Il resto della collezione si trova in uno dei giardini privati del palazzo. Nel prossimo futuro, il Palazzo di San Anton sarà aperto anche ai turisti. Questa saggia iniziativa continua a rendere Malta come una delle destinazioni turistiche più gettonate in Europa.

di Fra Mario Attard

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*