Malta – La fortificazione di St James Cavalier

Di fronte alla continua minaccia dell’attacco turco e alle debolezze causate dal grande assedio del 1565, i Cavalieri di Malta dovettero decidere se abbandonare l’isola o tentare il suo restauro. Il Gran Maestro, Jean Parisot de la Valette, preferì rimanere e chiedere aiuto, che arrivò prontamente da più parti, in particolar modo da Papa San Pio V, che inviò non solo assistenza finanziaria, ma anche il famoso ingegnere militare Francesco Laparelli di Cortona. È Laparelli che ha ideato il piano di La Valletta come lo vediamo oggi. St James Cavalier, uno dei due Cavalier costruiti dai nove originariamente progettati, fu disegnato personalmente dallo stesso Laparelli, che, alla sua partenza nel 1569, affidò la continuazione del suo lavoro all’architetto maltese Gerolamo Cassar. St James Cavalier è stato costruito per fungere da piattaforma rialzata su cui sono state piazzate le armi per difendere la Città dagli attacchi sulla terra dalla parte di Floriana. Oltre a vietare l’ingresso, St James Cavalier poteva anche minacciare coloro che avevano già violato le difese della Città.

Nonostante l’impressione della dimensione data dall’aspetto esterno dell’edificio, metà della struttura era piena di terra compressa e il resto consisteva in una serie di camere sparse e una rampa attraverso cui i canoni potevano raggiungere il tetto. Architettonicamente, il St James Cavalier non è stato progettato per rivaleggiare con le più sofisticate Aubuerges, ma come soluzione utilitaristica e senza fronzoli per un semplice problema difensivo. Poiché la funzione richiesta dell’edificio è cambiata, anche il disegno è cambiato. Al loro arrivo, gli inglesi hanno trasformato St James Cavalier in un’abitazione per gli ufficiali. In seguito, i britannici utilizzarono la sua posizione rialzata per fornire un deposito d’acqua per la città di La Valletta. L’acqua è stata pompata nelle due cisterne attraverso l’acquedotto di Wignacourt, contribuendo a risolvere il grave problema di acqua delle isole maltesi.

Anche durante questo periodo, la rampa che portava al tetto fu sostituita da una scala e il numero di stanze fu aumentato tagliando le stanze del piano terra con i soffitti a volta, creando così due piani dove ve n’era solo uno. Furono apportate modifiche anche per aiutare a combattere l’umidità. Infine, durante l’ultima parte del dominio britannico, St James Cavalier fu trasformato in un negozio di alimentari noto come NAAFI. Nel 2000, St James Cavalier eseguì ancora una volta una trasformazione sorprendente. Un edificio, una volta progettato per proibire l’ingresso, è stato modificato per iniziare ad accogliere i visitatori. Il compito di attuare questo enorme cambiamento è stato dato al prof. Richard England, uno dei più noti architetti di Malta. Secondo England il suo progetto fu quello di rendere possibile per l’edificio di accogliere nuove esigenze in un modo che, nel rispetto del passato, accetta i concetti di cambiamento, senza paura.

Una delle maggiori sfide affrontate dal prof. England è stata quella di aumentare l’accessibilità in un edificio creato per respingere gli invasori. Ciò ha richiesto un intervento strutturale importante, che ha portato a decisioni molto difficili su quali aree dovevano essere sottoposte a un intervento così drastico. Questo compito è stato portato avanti con grande disinvoltura con la conversione delle due cisterne d’acqua, una nello spazio teatrale del Centro e l’altra nell’atrio, oggi noto come Spot A. Uno spazio sorprendente e unificante che dà accesso alle gallerie superiori, il disegno incorpora, tuttavia, pannelli di vetro e una meravigliosa consapevolezza dello spazio che consente al visitatore di leggere la narrativa storica raccontata dai pozzi.

Il lavoro è stato svolto in collaborazione con l’esperto di restauro Michael Ellul, con un’enfasi che ha decisamente scoraggiato l’uso della replica e dell’imitazione. Quindi, tutto ciò che sembra XVI secolo è XVI secolo e tutto ciò che sembra contemporaneo è contemporaneo. Questo tema è particolarmente evidente al piano terra. Nella sala della musica, il soffitto installato dagli inglesi fu rimosso e la stanza tornò al suo stato originale. In altre sale, la parziale rimozione del soffitto ha permesso di rappresentare entrambi i periodi in questa moderna interpretazione di un edificio profondamente storico. Oggi, il Centro è gestito da Fondazzjoni Kreattività, la fondazione affidata alle operazioni di Spazju Kreattiv e St James Cavalier. Oltre 800 produzioni ed eventi, così come due festival nazionali, sono organizzati ogni anno in questo magnifico e storico edificio, accogliendo centinaia di migliaia di visitatori.

di Fra Mario Attard

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*