Sant’Angelo d’Acri, un missionario straordinario della misericordia di Dio

Il 31 ottobre, noi cappuccini celebriamo la Festa di Sant’Angelo d’Acri. Questo grande cappuccino rimane conosciuto nella storia dell’Ordine dei Cappuccini come predicatore persuasivo. Grazie alla sua predicazione ha interiorizzato, nei suoi ascoltatori, uno straordinario amore per la passione di Cristo. Nato come Luca Antonio Falcone, il 19 ottobre 1669, nel piccolo Comune di Acri, il piccolo Luca era di umili origini. Era orgoglioso del suo passato. Il giorno successivo alla sua nascita fu battezzato nella Chiesa di San Nicola. Un vicino gli insegnò a leggere e a scrivere mentre in quel tempo fu istruito anche sui fondamenti della fede cristiana. In quel tempo, frequentava la Chiesa Parrocchiale di San Nicola e la Chiesa Conventuale di noi Cappuccini a Santa Maria degli Angeli. Da grande, lo zio materno, don Domenico Errico, lo fece studiare con la speranza di diventare, un giorno, una persona colta. Una tale preparazione lo avrebbe reso un capofamiglia per sua madre rimasta vedova così giovane.

A vent’anni, Luca Antonio si sentì attratto dai cappuccini. La sua storia di vita ci racconta che ciò avvenne per la predicazione carismatica del cappuccino Antonio di Olivadi. Tuttavia, due volte lasciò il noviziato e tornò a casa. Ciò è avvenuto a causa dell’austerità della nostra vita cappuccina e anche per la mancanza di sua madre. Tuttavia, la terza volta era il momento in cui poteva iniziare questa avventura e mantenerla in vita. Era il 12 novembre 1690, quando Luca Antonio iniziò il noviziato nel convento di Belvedere Marittimo col nome di Angelo d’Acri. Anche in questo momento, fr. Angelo era molto tormentato da pensieri, dubbi e tentazioni. Fortunatamente, in quel momento, leggeva le gesta eroiche di fr. Bernardo da Corleone († 1667), di cui in quei giorni era in corso la causa di beatificazione. Forte dell’esempio di fr. Bernard, fr. Angelo rivolse al Signore una profonda e accorata preghiera e gli chiese di aiutarlo nella grande lotta in cui si trovava. Grazie alle ispirazioni di Dio, fr. Angelo capì che doveva seguire l’esempio di fr. Bernard. Fr. Angelo emise la professione il 12 novembre 1691. Dopo la professione, continuò a seguire la formazione sacerdotale, che intraprese molto seriamente. Il 10 aprile 1700, fu ordinato sacerdote nella cattedrale di Cassano all’Ionio nella solennità pasquale. Fu in quel momento che iniziò a prepararsi per diventare un predicatore. Infatti, dal 1702 fino alla sua morte nel 1739, fr. Angelo viaggiò molto attraverso la Calabria e la maggior parte dell’Italia centrale predicando sermoni quaresimali, ritiri e missioni popolari.

I suoi inizi nel ministero della predicazione furono un completo disastro. Così avvenne quando si recò sul pulpito di San Giorgio Albanese, nei pressi di Corigliano Calabro. Semplicemente, non riusciva a ricordare il testo che studiava a memoria. Quindi, poiché non poteva pronunciare la sua predicazione, se ne andò estremamente deluso. Quando ebbe questa enorme mancanza di preghiera, fr. Angelo fu ispirato a prendere la decisione di predicare Cristo crocifisso e nudo, lontano dalla retorica esoterica e anche dal disagio della lingua toscana, ma solo nel suo dialetto natale, ripetendo ‘passo dopo passo’ ciò che lo Spirito Santo gli avrebbe mostrato di predicare, poiché il suo cuore era così infiammato di zelo e di unzione spirituale. Mentre fr. Angelo lo seguiva, questo fu un successo incredibile. Il suo modo innovativo di predicare supera praticamente lo stile di coloro che pensavano di aver raggiunto l’apice dell’illuminazione della ragione. Il ministero della predicazione è accoppiato con il ministero dell’ascolto delle confessioni. Fr. Angelo trascorse, quindi, lunghe ore al confessionale riconciliando le persone con Dio Padre. Trattava, i peccatori con straordinaria misericordia. Fr. Angelo era tanto più convinto che le situazioni più dure si risolvano con la carità. Per lui, la misericordia era la via più facile per ricondurre i peccatori a Dio. Come il buon pastore, fr. Angelo andava a prendere coloro che avevano bisogno di riconciliazione. Inoltre, si prendeva cura dei malati e di coloro che subivano l’ingiustizia. Su insistenza dei grandi nobili di Acri, i Sanseverino, al popolo furono restituiti i diritti fondamentali. Per fr. Angelo ciò che contava era tutta la persona, spiritualmente e materialmente. Un altro aspetto bello nella vita di fr. Angelo di Acri era che dopo aver predicato la misericordia di Dio e aver ascoltato le confessioni, avrebbe lasciato dietro di sé alcuni segni tangibili come un’immagine del Calvario e una statua della Madonna Addolorata che sono potenti segni dell’amore di Dio che soffre e si offre allo stesso tempo perché l’umanità abbia la vita e l’abbia in abbondanza.

A una persona così carismatica l’Ordine gli affiderebbe il ruolo di Ministro provinciale. Mentre animava la vita della sua provincia con le sue parole e con i suoi atti, fr. Angelo offrì ai frati cinque gemme con cui vivere: l’austerità, la semplicità, l’esatta osservanza delle Costituzioni e della Regola, l’innocenza della vita e la carità senza fine. Al compimento dei settant’anni, fr. Angelo si recò alla Casa del Padre dal nostro convento dei Cappuccini di Acri. Ha lasciato dietro di sé pace e benessere per tutti. Nella sua lettera circolare, in occasione della canonizzazione del beato angelo di Acri, datata 4 ottobre 2017, fr. Mauro Jöhri OFM Cap, nostro ministro generale cappuccino, ha scritto di fr. Angelo: Il suo zelo nella predicazione e nel perdono offerto nel sacramento della riconciliazione ha donato a fr. Angelo una forte sensibilità alla sofferenza dei poveri. Denunciava con forza e coraggio le misere condizioni in cui vivevano gli uomini e le donne del suo tempo e del suo luogo. Chiamò giustizia per i poveri, condannando gli scandali bancari, la riduzione arbitraria del tasso di rendimento, gli alti dazi sulla coltivazione dei bachi da seta e l’ingiusta e violenta confisca della proprietà privata da parte di coloro che si dichiaravano capi del popolo. Testimoniò la carità cristiana visitando i poveri nelle loro case e condividendo la Provvidenza che lui stesso aveva ricevuto. Né mancò di visitare i carcerati, riconoscendone la dignità ed esortandoli al pentimento e all’accettazione del castigo, come missionario, predicatore e confessore, Angelo d’Acri ha capito e testimoniato come le parole di chi annuncia il Vangelo devono incarnarsi in gesti concreti per il popolo, per i sofferenti e per coloro che subiscono l’ingiustizia. O Dio, hai dato a sant’Angelo o tuo sacerdote la grazia di richiamare i peccatori al pentimento attraverso la sua predicazione e i suoi miracoli. Per i suoi meriti e le sue preghiere, possiamo degnamente piangere per i nostri peccati e meritare la vita eterna. Concedi questo per mezzo di nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che vive e regna con te e con lo Spirito Santo, un solo Dio, nei secoli dei secoli. Amen.

di Fra Mario Attard

Print Friendly, PDF & Email