Un nuovo film maltese racconta una storia d’amore moderna, disordinata e internazionale

La pressione esercitata sulle donne maltesi per creare una famiglia è tra i temi principali di un nuovo lungometraggio che è appena uscito per lo streaming mondiale. In Corpore è il secondo film di Sarah Jayne Portelli. Egli esamina la relazione e l’identità di quattro coppie separate in quattro paesi: Malta, Germania, Australia e Stati Uniti. In Corpore approfondisce l’amore, la lussuria, l’impegno, le aspettative tradizionali e tutti gli intrecci delle relazioni. Il film ha ricevuto una serie di recensioni internazionali positive dopo essere stato rilasciato su Amazon Prime e Vimeo due settimane fa. “Volevo che il nostro film avesse attori maltesi che parlassero in dialetto maltese, in modo che i nostri spettatori non solo conoscessero Malta, ma anche la nostra lingua”, ha dichiarato la Portelli. Poi, la stessa ha spiegato come lei e suo marito, Ivan Malekin, anche lui regista, hanno avuto l’idea. “Eravamo sposati di recente nel momento in cui abbiamo scritto questo e volevamo discutere i diversi tipi di relazioni, ed esplorare la natura dell’impegno e dell’amore”. La storia maltese all’interno del film approfondisce il matrimonio tra Anna (Naomi Said) e Manny (Christopher Dingli) che stanno progettando di avere un bambino. Anna è lacerata dalla tradizionale pressione e da ciò che vuole veramente.

Il trailer cattura la situazione: un tradizionale pranzo in famiglia durante il quale un membro chiede: “Allora, sei vicino alla pianificazione di un bambino, giusto?”. Ho basato le parti maltesi molto sulla mia educazione e famiglia. Molte volte mi è stato chiesto da parenti quando stavo per sposarmi e avere figli. Era importante mantenere un forte senso della tradizione maltese nel film, quindi, ho chiesto alla troupe e agli attori maltesi se le scene fossero riconoscibili per gli spettatori maltesi. Said ha notato che ha trovato facile relazionarsi al personaggio di Anna. Non necessariamente a livello superficiale, ma sicuramente con il suo senso di delusione per la mondanità della vita quotidiana e la sua tranquilla resistenza. Le donne potevano relazionarsi a ciò che provava il personaggio. La lotta costante per mantenere i loro sogni audaci e deludere gli altri. Dopo aver appena terminato la sua tesi sulla narrazione improvvisata, Naomi Said era entusiasta di far parte del film”. “Ivan e Sarah Jayne avevano una visione molto chiara di dove volevano che la storia andasse, ed è stata un’esperienza meravigliosa per me sia recitando che facendo ricerche per la parte”, ha aggiunto Said.

Questo film mi fa pensare, ispirato dalle parole di papa Francesco nella sua conferenza stampa, durante il volo di ritorno da Panama la domenica 27 gennaio 2019, della grossa responsabilità che la scuola ha sulle sue spalle per educare le future generazione sulla vera natura e dinamica del genere, le relazioni e la sessualità sana nella storia d’amore che crea una famiglia veramente solida.

di Fra Mario Attard

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*