Stretto di Messina – Un diamante marino da difendere e amare

In merito alle notizie stampa diffuse negli ultimi giorni, riguardo la situazione dei fondali dello Stretto di Messina, la prof.ssa Nancy Spanò, delegata UniMe per le Iniziative Scientifiche a Tutela dell’Ambiente e del Patrimonio Marino, ha ribadito il suo pensiero a tutela del prezioso tesoro marino che si contraddistingue per le sue peculiarità e per l’enorme biodiversità. “Le caratteristiche ecologiche, biologiche, idrologiche dello Stretto di Messina – ha detto – si riflettono sugli organismi che lo popolano, influenzando l’intero assetto biologico dell’ambiente con il risultato di avere a disposizione uno straordinario ecosistema, unico nel Mediterraneo per abbondanza di specie, biodiversità e biocenosi. I fondali del nostro mare sono caratterizzati da condizioni particolari, che rendono lo Stretto un ambiente unico nel Mediterraneo. Lo Stretto, dunque – ha aggiunto –, è molto più della pattumiera che è stata, troppo frettolosamente, descritta, seppur dei dati obiettivi dimostrano che i rifiuti ci sono, limitati al tratto fra Tremestieri e Reggio”. Secondo una ricerca condotta dalla Universitat de Barcelona e da ricercatori internazionali, lo Stretto di Messina è stato considerato al primo posto nella classifica della ‘sporcizia sottomarina’, ma è bene ricordare che il tratto oggetto dello studio dell’Ateneo Catalano è di circa 7 chilometri, mentre l’Università di Messina vanta ricerche continue e uno studio su una lunghezza di circa 70 chilometri. Un’intervista della prof.ssa Spanò è stata, inoltre, trasmessa al TGR, durante l’edizione delle ore 14.00 ed è consultabile anche online.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*