Malta – Muore a 62 anni padre Pierre Grech Marguerat SJ

Un sacerdote gesuita ed ex direttore dei Jesuit Refugee Services (il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati), padre Pierre Grech Marguerat, è morto venerdì 13 novembre 2020 dopo una lunga malattia. Egli aveva 62 anni. Padre Pierre era appena tornato alla casa della comunità dei gesuiti in cui si trovava a Pisa, in Italia, dopo una lunga degenza in ospedale. Questo sacerdote è forse meglio conosciuto per i suoi programmi di sensibilizzazione in aiuto dei rifugiati durante l’apice della crisi migratoria negli anni 2000. Dal 1996 al 2007, è stato direttore dell’ufficio dei Servizi dei Gesuiti per i Rifugiati a Malta, guidando le politiche e le linee guida per aiutare i migranti che sbarcavano a Malta. Come conseguenza delle alte tensioni in quella epoca, padre Pierre è stato una delle vittime di una serie di attacchi incendiari che hanno preso di mira anche l’avvocato del JRS Katrine Camilleri e la giornalista Daphne Caruana Galizia. A causa del diabete che gli era stato diagnosticato in gioventù, Grech Margeurat era un paziente renale (aveva ricevuto un rene da sua sorella Maureen Cole nel 2006) e trascorreva del tempo sostenendo le carte per la donazione di organi prima della loro introduzione a Malta. Dal 2012, padre Pierre fu anche assistente del maestro dei Novizi presso il Noviziato dei Gesuiti, a Genova, e svolgeva attività pastorale nell’ambito della Compagnia di Gesù, a Pisa. Nel 2007, Grech Marguerat fece parte del team di supporto della Life Cycle Challenge, una raccolta fondi annuale che raccoglie donazioni a favore dei pazienti renali.

I tributi si sono riversati venerdì mentre la notizia della sua morte si diffondeva. Ricorderemo sempre padre Pierre come un uomo meraviglioso con così tanti doni, ha detto il JRS Malta in un post su Facebook. Comunicatore naturale, padre Pierre ha condiviso con gli altri i suoi doni di una fede profonda, un cuore per gli altri, uno spirito vivificante e una passione per la giustizia. Tutto questo con il suo grande senso dell’umorismo. Padre Pierre è stato davvero unico nel suo genere in tanti modi. Non lo dimenticheremo mai e saremo per sempre grati per la sua amicizia e il suo incrollabile sostegno. La Maltese Diabetes Association (Associazione Maltese Diabetici) lo ha descritto come un buon amico e sostenitore. Possa lui riposare in pace, hanno detto i membri dell’Associazione. Nel loro articolo di domenica (15 novembre 2020) sul The Sunday Times of Malta, è stato intitolato un omaggio al prete senza paura e ispiratore; Katrine Camilleri e Danielle Vella così scrivono: “Pierre era rispettato perché si preoccupava profondamente delle persone e della giustizia come espressione naturale della sua fede in Dio, e questa autenticità è emersa … Pierre era conosciuto e amato dai gesuiti e da altri membri della famiglia internazionale del JRS”. Un nostro collega a Bruxelles ha detto: “Era di quelle persone che lasciano una profonda impressione su chi lo incrocia. Ci mancherà. Alla gente piaceva Pierre; era così semplice. Forse era perché ti faceva sentire importante”. Grazie Pierre per il tuo Sì a Gesù nel prossimo sofferente! Il Signore ti da la vita eterna! Preghiamo per te e preghi per noi!

di Fra Mario Attard

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*