Il quinto volume di ‘Kelma ta’ Ħabib’

Una società costruita sul valore della vita’, ‘la promozione del bene comune’, ‘il rispetto e il perdono reciproco’, questi sono alcuni dei temi su cui riflette l’arcivescovo di Malta, mons. Charles Jude Scicluna, nel quinto volume di ‘Kelma ta’ Ħabib’(‘Parola di un Amico’). Questa pubblicazione include le omelie e i discorsi pronunciati dall’arcivescovo, nel suo quinto anno come pastore del popolo di Dio, a Malta. L’attuale edizione di Kelma ta’ Ħabib’ include anche il discorso dell’arcivescovo durante il dialogo aperto sul razzismo tenuto all’Università di Malta, in seguito all’omicidio di Lassana Cisse, il suo discorso durante il trasferimento dei beni della Chiesa (noto come Adelaide Cini Institute) all’Hospice Malta per l’istituzione dell’Hospice San Michele che fornirà servizi di cure palliative e il suo messaggio ai fidanzati, e a tutti coloro che sono stati uniti nel sacramento del matrimonio. Attraverso le sue parole profonde, fondate sul Vangelo, l’arcivescovo invita ogni persona a diffondere la Buona Novella nella società per il bene dell’umanità. Questa pubblicazione – di 500 pagine – include 50 pagine di fotografie scattate durante le celebrazioni tenute in varie parrocchie e altre attività. La copertina presenta Ġorġ Agius, noto anche come Ġorġ tal-Mużew, che prega con l’arcivescovo nel programma televisivo Xarabank.

Kelma ta’ Ħabib’ include anche un indice analitico che permette ai lettori di trovare facilmente l’insegnamento dell’arcivescovo su un argomento particolare e codici QR attraverso i quali i lettori possono guardare i video delle omelie su YouTube tramite il proprio smartphone. Questo libro è pubblicato dall’Ufficio Comunicazioni dell’Arcidiocesi di Malta ed è sponsorizzato da APS Bank plc. La quinta edizione di ‘Kelma ta’ Ħabib’ è in vendita a € 12 e può essere acquistata presso la Curia arcivescovile a Floriana o anche online su church.mt/kelmatahabib. Nel suo discorso ai vescovi dei territori di missione del sabato 8 settembre 2018, papa Francesco disse: “Chi è il vescovo? Vorrei con voi abbozzare tre tratti essenziali: è uomo di preghiera, uomo dell’annuncio e uomo di comunione”. Preghiamo per mons. Scicluna, mons. Joseph Galea Curmi e mons. Anton Teuma e tutti i vescovi della Chiesa che continuano a crescere su questi tre pilastri della loro vita vescovile.

di Fra Mario Attard

Print Friendly, PDF & Email