“Il silenzio mi spaventa”: Un uomo maltese in Ucraina mentre cadono i missili russi

Martin Ellul Mercer è stato svegliato nella sua casa di Kharkiv, nel nord-est dell’Ucraina, giovedì 24 febbraio 2022, intorno alle ore 5.00 del mattino, dal suono di enormi tonfi, i missili balistici russi che hanno colpito le installazioni militari fuori Città.Hanno scosso la casa e hanno fatto tremare tutte le finestre – ha detto Ellul Mercer –. È stato l’inizio di un incubo di cui la fine è incerta”. Ellul Mercer, fisioterapista in pensione, vive a Kharkiv – la seconda città più grande dell’Ucraina, con 1,5 milioni di persone e a soli 40 chilometri dal confine con la Russia – dall’aprile 2021, essendosi trasferito lì per vivere con la moglie, di nazionalità ucraina. È stato a Malta per un breve periodo solo poche settimane fa, ma ha scelto di tornare in Ucraina perché sua moglie era ancora lì. “Questo è stato costruito per molto tempo, ma qui tutto era calmo”, ha detto sabato 26 febbraio 2022, Ellul Mercer. “La gente era convinta che non sarebbe successo niente. Direbbero: ‘abbiamo parenti in Russia, siamo fratelli’”. Dall’inizio dell’invasione di giovedì 24 febbraio 2022, le esplosioni hanno continuato a essere sentite e, finora, i combattimenti si sono limitati alle autostrade della Città, dove le forze ucraine stanno mantenendo una difesa. Ma Ellul Mercer ha detto che gli abitanti della Città si aspettano un completo assalto russo da un momento all’altro. “Non posso uscire anche se volessi – ha detto –. La Città è circondata: non ci sono treni in partenza, non ci sono auto in partenza a causa dei combattimenti. Le strade sono mortalmente silenziose, fatta eccezione per alcune macchine. Non ci sono mezzi di trasporto: autobus, tram e metro sono tutti fermi”. Nel centro di Kharkiv, i residenti hanno dormito nelle stazioni della metropolitana sotterranee per paura di ulteriori bombardamenti. “L’atmosfera è incredibilmente tesa – ha detto Ellul Mercer –, con lunghe code fuori dai negozi e macchine di pagamento non funzionanti. Il suo quartiere alla periferia della Città è così tranquillo a parte del suono sporadico delle esplosioni”. Ellul Mercer ha detto che prova un senso di totale incertezza. “Non sono le esplosioni che mi spaventano, ma il silenzio. Il silenzio del non sapere cosa aspettarsi, dove cadrà il prossimo proiettile”.

È in contatto con il Ministero degli Affari Esteri maltese e il Consolato a Kiev, e tiene sempre con sé il passaporto maltese e una borsa pronta per partire rapidamente se necessario.Sto cercando di mantenere la calma, perché se vado nel panico perderò il controllo – ha detto –. Mi tengo occupato. Ho un piccolo giardino, ascolto musica, scrivo. Guardo le notizie e mi tengo in contatto con amici e familiari. Devo solo sperare che non succeda nulla, ma potrebbero volerci settimane o mesi”. Preparandosi mentalmente per un possibile assalto, Ellul Mercer ha detto che trovava impossibile pensare a cosa sarebbe potuto succedere dopo. “Gli ucraini stanno combattendo ferocemente con il poco che hanno, ma non so cosa pensare – ha detto –. Quando vedi un Paese che soffre in questo modo e l’Occidente che ha grande così difficoltà ad aiutare, e poi vedi gli interessi europei che impediscono che ciò accada, c’è una certa dose di ipocrisia in questo. Senza aiuto, non vedo come quest’uomo [Vladimir Putin] possa essere fermato”. “I soldati ucraini hanno respinto un attacco russo nella Capitale”, hanno detto i militari sabato, dopo che il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, ha promesso che il suo Paese filo-occidentale non si sarebbe piegato a Mosca. Come dicono le parole dell’inno ucraino: “Non è ancora morta la gloria dell’Ucraina, né la sua libertà, a noi, giovani fratelli, il destino sorriderà ancora. I nostri nemici scompariranno, come rugiada al sole e anche noi, fratelli, regneremo nel nostro Paese libero. Daremo anima e corpo per la nostra libertà e mostreremo che noi, fratelli, siamo di stirpe cosacca”.

di Fra Mario Attard

Print Friendly, PDF & Email