Messina – Giornata del ricordo dei caduti nelle missioni internazionali di pace: I Carabinieri commemorano il s.ten. Giovanni Cavallaro

Nel giorno del ricordo dei caduti nelle missioni internazionali di pace – ricadente il 12 novembre in memoria dell’attacco terroristico all’installazione militare italiana di Nassiriya del 2003 – i Carabinieri del Comando Provinciale di Messina hanno commemorato il s.ten. Giovanni Cavallaro, ufficiale peloritano decorato con Croce d’Onore, vittima di quella strage assieme ad altri 11 carabinieri, 5 militari dell’Esercito Italiano e 2 civili. Nella mattinata, a essere coinvolti sono stati i giovani allievi dell’istituto Evemero di Messina, attraverso un incontro tenuto dal comandante della Compagnia Carabinieri di Messina Centro e dal comandante della Stazione di Ganzirri, finalizzato a diffondere la cultura della legalità e a sensibilizzare sul sacrificio dei militari italiani in Patria e all’estero, ripercorrendo la vicenda personale di un concittadino in armi, caduto nell’adempimento del dovere. Gli alunni hanno, dunque, appreso la storia del s.ten. Cavallaro, nato nel villaggio di Torre Faro il 21 giugno del 1956, e arruolatosi nell’Arma dei Carabinieri nel 1977, conseguendo, successivamente, il grado di maresciallo ordinario. Il militare, dopo aver prestato servizio presso i reparti investigativi di Torino e Asti, venne chiamato a prendere parte a numerose missioni all’estero volte a portare la pace in contesti caratterizzati da forte instabilità politica. Proprio nell’ambito dell’operazione umanitaria denominata Antica Babilonia, in Iraq, il militare perse la vita. Nel pomeriggio, si è poi tenuta una cerimonia presso la caserma dei Carabinieri di Ganzirri, intitolata proprio al s.ten. Giovanni Cavallaro, a cui hanno preso parte una rappresentanza dei Carabinieri della Compagnia di Messina Centro e i familiari del caduto. Nel corso della commemorazione, il comandante provinciale dei Carabinieri di Messina, col. Marco Carletti, e il figlio del decorato, Diego, hanno deposto un cuscino di fiori sulla lapide commemorativa del militare caduto. La cerimonia si è conclusa con una messa in suffragio celebrata dal cappellano militare, don Rosario Scibilia.

Print Friendly, PDF & Email