Oltre 3.000 persone controllate dalla Polizia di Stato nelle stazioni ferroviarie e a bordo dei treni della Sicilia

4 Persone indagate, 3.063 persone controllate, 43 treni presenziati, 23 veicoli ispezionati, 327 pattuglie impegnate nei servizi di vigilanza in stazione, a bordo treno e lungo la linea ferroviaria: è questo il bilancio delle principali attività di controllo svolta, nella settimana dal 21 al 27 febbraio, dalla Polizia Ferroviaria in tutta la Sicilia. A Messina, gli agenti hanno rintracciato, a bordo di un treno, un minore extracomunitario allontanatosi arbitrariamente da una struttura d’accoglienza, presso cui è stato riaffidato. A Palermo, gli agenti hanno rinvenuto due portafogli contenenti entrambi documenti e una modica somma di denaro nell’immediatezza riconsegnati agli aventi diritto. I servizi di controllo degli impianti e delle aree ferroviarie dell’isola, sono stati potenziati attraverso la predisposizione di una giornata denominata ‘Stazioni Sicure’, la seconda dell’anno, disposta dal Servizio PolFer a livello nazionale e finalizzata ad alzare il livello di sicurezza nelle stazioni, con la partecipazione delle unità cinofile delle Questure di Palermo e Catania. Non è mancato, infine, l’impegno nelle scuole, nell’ambito del progetto di educazione alla legalità ‘Train…to be cool’. Nella scorsa settimana, gli operatori della Polizia Ferroviaria di Palermo hanno incontrato gli alunni delle medie dell’Istituto Comprensivo Rosario Livatino di Ficarazzi (PA). All’incontro, hanno partecipato circa 50 ragazzi, che hanno interagito con gli operatori attraverso slide, filmati e giochi. Sia gli alunni che i professori hanno vivamente apprezzato i consigli, relativi al rispetto delle regole, per muoversi in sicurezza in stazione ed a bordo treno e nella vita in genere. A Taormina, gli agenti PolFer hanno partecipato, insieme ai poliziotti del Commissariato di Taormina, all’iniziativa #lapoliziavaascuola, nell’Istituto Comprensivo Statale di Santa Teresa di Riva (ME), che ha visto coinvolti circa 100 bambini.

Print Friendly, PDF & Email