Messina – La Galleria d’Arte ‘Lucio Barbera’ aderisce al progetto educativo e sociale ‘Arte per la Pace’

La Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea ‘Lucio Barbera’ ha aderito al progetto educativo e sociale ‘Arte per la Pace’, promosso dall’Organizzazione internazionale ‘Peace Run’, nell’ambito della settimana multiculturale di iniziative di pace che ha preso avvio a Palermo l’8 novembre scorso e che si è concluso il 16 novembre. La ‘Peace Run’ è un evento sportivo non competitivo che ogni anno coinvolge più di 100 nazioni e che quest’anno è giunto a Palermo insieme con la mostra ‘Paintings for World Peace and Harmony’, allestita a Palazzo Sant’Elia con l’esposizione di circa 250 opere originali di Sri Chinmoy. Il progetto ha coinvolto le scuole, i musei e le gallerie d’arte di tutta la Sicilia nella promozione di una cultura della pace attraverso l’Arte e ha previsto la realizzazione di una Tela per la Pace lunga 150 metri, cui hanno contribuito i ragazzi delle scuole elementari e medie dell’Isola, una per ogni Provincia, con l’adesione dei Musei Gam e Riso di Palermo, Castello Ursino di Catania e la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea ‘Lucio Barbera’ di Messina.

La Città Metropolitana di Messina, attraverso la Galleria d’Arte ‘Lucio Barbera’, ha partecipato all’iniziativa con il supporto del Liceo Artistico ‘Basile’ e dell’Istituto Comprensivo ‘Pascoli-Crispi’, i cui alunni delle scuole elementari e medie, guidati dalla prof.ssa di Arte Grazia La Motta, hanno disegnato e colorato 10 metri di tela bianca, dando sfogo alla loro creatività e fantasia, inserendo anche simboli di pace e solidarietà. La Tela realizzata dagli alunni messinesi, unita alle altre provenienti dalle altre Province, ha sfilato il 16 novembre in un lungo corteo costituito dai ragazzi delle scuole per le vie di Palermo e rimarrà come segno tangibile in cui ciascun alunno è divenuto artista-costruttore di Pace e ha dato il proprio piccolo contributo al difficile e tortuoso cammino per la pace nel mondo.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*