Malta – Un dipinto dell’Immacolata Concezione attribuito a Francesco Noletti

Recentemente, padre Martin Micallef OFM Cap, un biblista famoso maltese, ha pubblicato uno studio interessante sul dipinto dell’Immacolata Concezione che è attribuito al pittore maltese Francesco Noletti e Padre Micallef ha pubblicato nella Rivista Treasures of Malta (Tesori di Malta) dell’estate 2019. Il 20 novembre 1758, il canonico Francesco Agius de Soldanis scrisse una lettera al suo amico erudito Ignazio Saverio Mifsud descrivendo la chiesa e il convento dei Cappuccini di Rabat, a Gozo. Un manoscritto di dieci fogli, attualmente conservato negli archivi dei Cappuccini a Floriana, ripete quasi verbatim il contenuto della versione stampata della lettera di de Soldanis a Mifsud. Esso include anche alcune note di chiusura dello stesso autore anonimo, che fornisce ulteriori informazioni storiche sulla chiesa cappuccina e sul convento di Gozo. In una di queste note di chiusura, si riferisce a un Crocifisso venerato nella chiesa dei cappuccini a Gozo.

La stessa nota di chiusura fornisce ulteriori informazioni per affermare che il luogo, precedentemente riservato al Santo Crocifisso nella cappella privata del convento, è stato successivamente occupato da un bellissimo dipinto. Nella cappella del corridojo, adesso esiste un bel quadro dell’Immacolata Concezione dell’insigne Francesco Noletti. Un inventario del 1986 del convento e della chiesa di Gozo dei Cappuccini rivela che questo dipinto dell’Immacolata Concezione era ancora venerato nella cappella privata del convento fino a poco tempo fa. Poi, è stato trasferito in una delle sale del convento accantonato per il Ministro Provinciale. Nel 2010, questo dipinto è stato trasferito al Museo Cappuccino di Floriana per il suo valore artistico.

Il dipinto di proprietà dei frati cappuccini è, infatti, un’opera d’arte ‘molto bella’ – come giustamente venne descritto nella nota di fine del manoscritto. Paul Cassar nella sua tesi di laurea intitolata The Friaries and Churches of the Augustinians, the Franciscan Minor Conventuals and the Capuchins in Rabat, Gozo. I conventi e le Chiese degli Agostiniani, i minori francescani Conventuali e i Cappuccini di Rabat, Gozo: Storia, Architettura e Opere d’Arte, fornisce questa descrizione del dipinto: Lucidamente rappresentata, la Beata Vergine si pone in piena lunghezza con le mani giunte guardando lo spettatore. Tiene l’aspetto centrale della tela mentre inclina plausibilmente la testa e ondeggia nella stessa direzione. Autorevolmente, i suoi piedi tremano su un serpente che gira intorno a una luna incandescente. Il mantello istericamente modellato avvolge il suo ondeggiare lirico in un flusso vivace. È impostata su uno sfondo giallo-ocra, che si intensifica e si irradia intorno alla sua testa. Sono accesi il sole e la luna che fiancheggiano la testa della Vergine. Le nubi color cupo comprendono la Vergine placidamente modellata e la circondano in una mandorla verticale-ellittica che delimita da un paesaggio molto aspro esposto nella parte più bassa del dipinto. L’intreccio tremante di luce accentua una parte sostanziale del dipinto.

Forse l’affermazione più interessante che emerge dalla nota di chiusura del manoscritto è che questa bella opera d’arte è stata per alcuni, eseguita dal famoso artista Francesco Noletti (1611-1654). Se questa informazione è affidabile, allora possiamo dedurre che questa tela che raffigura l’Immacolata Concezione era stata eseguita prima della fondazione del convento e della chiesa dei Cappuccini a Gozo nel 1737, poiché Noletti era morto ottantatré anni prima. Inoltre, potremmo presumere che questo dipinto avesse raggiunto Gozo dal convento dei Cappuccini a Floriana, che era l’unico convento maltese dei cappuccini all’epoca, o che fosse stato donato ai frati di Gozo da qualcun altro in un secondo momento.

L’autore delle note di chiusura nel manoscritto cappuccino collega il nome di Francesco Noletti con un riferimento dalla Malta Illustrata del conte Giovanni Antonio Ciantar, anche se il paragrafo ‘LXXXIV’ dovrebbe essere ‘LXXIV’. Il conte Ciantar includeva Francesco Noletti nella sua lista di illustri cittadini maltesi. Noletti, chiamato il maltese, era erroneamente conosciuto con il nome di Francesco Fieravino. Secondo l’esperto d’arte maltese Keith Sciberras, molte delle sue opere rappresentano una combinazione di oggetti preziosi, vasi, armature, strumenti musicali, libri, fiori, frutta o dolci disposti su un tappeto turco messo su una sporgenza o un tavolo. In quanto alla predilezione di Noletti per gli oggetti ornamentali e la rappresentazione della natura morta, l’attribuzione della pittura dell’Immacolata Concezione a questo artista maltese è davvero molto suggestiva. Infatti, è una completa partenza dal genere tradizionale di questo artista.

Secondo Padre Micallef, anche se l’autore del manoscritto e le sue note di chiusura rimangono anonimi, sembra che fosse un ben versato frate cappuccino che probabilmente non solo aveva un facile accesso agli archivi del loro convento di Gozo, ma ha anche fatto uso di diverse tradizioni orali che sono state poi inserite come note di chiusura a questo manoscritto. Nel suo commento, sul dipinto dell’Immacolata Concezione, l’autore cita una tradizione che attribuisce la pittura dell’Immacolata Concezione a Francesco Noletti. La nota di chiusura nel manoscritto cappuccino che fa riferimento a una tradizione che identifica Noletti come l’autore di questa opera di tela, tuttavia, non deve essere respinta e serve come promemoria che il corpo di dipinti attribuiti a Noletti richiede sia la correzione che direzione. Anche se la tipologia di Noletti e il soggetto del suo lavoro sono riconosciuti da molti, la questione principale rimane quella di attribuire in modo sicuro le opere perché non c’è pittura che sia firmata o chiaramente documentata come la sua. Questo breve studio di padre Micallef ha, quindi, lo scopo di presentare un modesto contributo in questa direzione.

di Fra Mario Attard

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*