Malta – Una grande proprietà della chiesa formalmente consegnata al Movimento Hospice

Una spaziosa proprietà della Chiesa a Santa Venera è stata formalmente consegnata al Movimento Hospice, domenica 29 settembre, nella festa di San Michele l’Arcangelo. La cerimonia si è svolta nello stesso edificio in cui i primi pazienti dovrebbero essere ricevuti tra due anni a seguito dei necessari lavori di ristrutturazione. La raccolta fondi per questo ambizioso progetto è già in corso e i lavori dovrebbero iniziare nelle prossime settimane. Durante questa cerimonia, il presidente della Repubblica, dott. George Vella, ha esortato la professione medica a dare maggiore importanza alle cure palliative e ad alleviare le cure mediche aggressive quando diventa chiaro che non c’è speranza che il paziente sopravviva. “È spesso difficile tracciare una linea, ma la realtà deve essere affrontata – ha detto il presidente –. Lasciamo che i nostri pazienti lascino questo mondo in silenzio, con dignità e serenità”, ha ribadito il capo dello Stato maltese.

La struttura, cioè l’ex Istituto Adelaide Cini 11.000metri quadrati, una proprietà della chiesa, compresi gli edifici e i giardini esistenti, sarà convertita in St Michael Hospice Centre. La struttura sarà gestita dal Movimento Hospice, che per la maggior parte degli ultimi 30 anni ha fornito i suoi servizi gratuitamente da una proprietà a Balzan. L’arcivescovo Charles Scicluna ha simbolicamente presentato la chiave della proprietà a Maria Gatt, che presiede l’Hospice. Il progetto principale è stato annunciato per la prima volta quattro anni fa e l’Autorità per la pianificazione ha rilasciato permessi per lavori strutturali nel mese di giugno. La proprietà che vale 8milioni di euro e con molti più fondi necessari per ristrutturare il complesso nei prossimi anni, deve essere trasformata in un ospizio di eccellenza per le persone che soffrono dalle malattie terminali. Si prevede che riceverà i suoi primi pazienti entro il 2021. L’attuale presidente della Hospice Malta, la sig.ra Maria Gatt, ha affermato che la struttura sarà uno sforzo collaborativo con diverse parti interessate, tra cui il governo. Ha spiegato che i servizi sono attualmente forniti gratuitamente a più di 800 famiglie, mentre circa 200 pazienti frequentano quotidianamente l’unità terapeutica.

La nuova struttura permetterà all’Hospice di fornire i suoi servizi con più dignità e amore a più persone. Una persona su tre soffre di cancro, quindi questo ospedale raggiungerà molte persone. Le statistiche sono numeri, ma sono persone! Il cancro colpisce 1 su 3 di noi e a Hospice Malta abbiamo 60 nuovi pazienti al mese. Con la maggior parte dei pazienti sottoposti alle loro cure e trattamenti a livello locale, c’è chiaramente la necessità di St Michael Hospice! San Michele Hospice è una necessità, che la popolazione maltese merita. Siamo determinati a rinnovare secondo standard esigenti, paragonabili ai migliori Hospices all’estero che abbiamo già visitato. Non ci illudiamo della complessità di questo progetto, ma sappiamo che possiamo contare sulla leggendaria generosità della nostra nazione per realizzare questo ‘sogno’ che è ciò che i nostri cari meritano. L’atmosfera dell’ospizio di San Michele sarà di sollievo. Sarà un luogo tranquillo dove l’aiuto può essere dato con dignità in ogni fase della vita, ha detto la sig.ra Gatt. Essa ha anche avvertito che i costi operativi supereranno i 3milioni di euro l’anno. Nonostante ciò, la sig.ra Gatt ha assicurato che tutti i servizi continueranno a essere forniti gratis.

L’arcivescovo Scicluna ha detto che questa iniziativa è stata ispirata dall’Anno della Misericordia proclamato da Papa Francesco nel 2015. San Michele Hospice sarà un luogo in cui la porta della misericordia non si chiuderà mai, ricordandoci la misericordia tangibile di Dio nella nostra vita. L’arcivescovo ha fatto appello al popolo maltese affinché sia generoso nei confronti di questo progetto che, ha aggiunto, è un puntuale richiamo al diritto alla vita e alla dignità della persona umana. Attraverso il complesso di St Michael Hospice, Hospice Malta espanderà i suoi attuali servizi comunitari a oltre 10.000 visite all’anno ai pazienti e alle loro famiglie. Con l’aumento dello spazio, la nuova sede consentirà anche un ampliamento degli attuali servizi Day Therapy dalle attuali 700 sessioni a oltre 2.000 sessioni all’anno, nonché la fornitura di nuove terapie e servizi. L’obiettivo finale della valorizzazione dei servizi di assistenza palliativa della comunità offerti dall’Hospice è quello di permettere ai pazienti di rimanere nelle proprie case nella comunità in questo momento più vulnerabile e a sua volta di ridurre l’onere evitando inutili rinvii all’Ospedale. St Michael Hospice offrirà anche una struttura unitaria di degenza per i pazienti per soddisfare tali esigenze.

Anche i corsi di formazione didattica per lo sviluppo continuo del team di assistenza professionale dell’Hospice e di altri professionisti sanitari saranno erogati dal Dipartimento Della Pubblica Istruzione da sviluppare all’interno di St Michael Hospice a Santa Venera. Per 30 anni dalla sua fondazione nel 1989, il ruolo primario di Hospice Malta è stato la fornitura e la promozione di servizi di cure palliative a pazienti affetti da cancro, malattia del motoneurone e malattie cardiache, respiratorie, renali e epatiche di fine vita. Questi servizi sono offerti attraverso un team interdisciplinare professionale. L’assistenza incentrata sul paziente e sulla famiglia offerta mira al sollievo del dolore e di altri sintomi fisici, nonché di problemi emotivi, psico-sociali e spirituali. Hospice Malta, una ONG registrata con il commissario per le organizzazioni volontarie, offre gratuitamente tutti i suoi servizi ai pazienti di Malta e Gozo. Per maggiori informazioni visita hospicemalta.org. Le donazioni possono essere effettuate tramite hospicemalta.org/supporting-hospice/donations/

di Fra Mario Attard

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*