Malta – 90 Persone si presentano ogni giorno al luogo della Valletta gestito dai Frati Francescani

Ogni mattina, Paul lascia una stanza abbandonata in un campo, dove vive e cammina per due ore alla mensa dei poveri a La Valletta. Lì, viene nutrito e gli vengono date delle candele da portare nel posto che a malincuore chiama ‘casa’. Le candele non sono ornamenti natalizi. “Non ho elettricità o acqua, ma solo candele”, spiega. “Sono stato in quella stanza per diversi anni. La porta si sta staccando. La mensa dei poveri è come un raggio di sole per me perché mangiavo fuori dai cassonetti. Questa è la linea di fondo. È un peso per la mia schiena”, ha detto Paul, un inglese che ha chiesto di cambiare il suo nome. Egli è una delle 90 persone che si presentano ogni giorno alla mensa dei poveri di La Valletta, gestita dai Frati Francescani. La cucina è stata aperta nel mese di agosto e offre pranzi, cene al sacco, docce e lavanderia oltre a assistenza legale e servizio di barbiere. Presto, offrirà anche il supporto di uno psichiatra. Padre Marcellino Micallef, che gestisce la cucina, dice che circa il 90% delle persone che si presentano sono maltesi, la maggior parte di età superiore ai 40 anni. Tra i loro problemi principali, ci sono l’alcolismo e la tossicodipendenza, con molti che si rivolgono ai francescani durante un periodo di crisi. “Abbiamo avuto famiglie che dormono in garage, auto e grotte. È facile giudicare queste persone. Ma la verità è che chiunque può diventare povero da un giorno all’altro se viene colpito da una crisi sanitaria o finanziaria”, ha affermato padre Marcellino. “Qui abbiamo persone con problemi di salute mentale, persone che hanno subito abusi da bambini, persone che provengono da un modello generazionale di problemi sociali. Poi, ci sono le vittime dell’usura. Per noi, le persone qui sono nostri ospiti. Il nostro motto è ‘Vivere con dignità’. Spesso, sono etichettati come criminali”, ha detto il frate francescano. “Ma la povertà non è colpa degli individui, è colpa di un sistema che non si prende cura di chi fallisce”.

Ciò che è chiaro da una visita alla mensa dei poveri è che la maggior parte delle persone è in una bolla, cieca alla dura realtà affrontata da tanti altri. Il solo fatto di entrare nel locale di strada Sant’Ursula è un vero e proprio controllo della realtà, in netto contrasto con lo spirito festivo a poche strade di distanza, dove le persone sorseggiano allegramente caffè e acquistano regali per i propri cari. All’interno, la gente inizia lentamente a radunarsi ai tavoli e, prima di servire il cibo, padre Marcellino dice una preghiera e condivide qualche parola. Poi, i volontari iniziano a servire il cibo, un pasto di tre portate. La vita per Paul è sempre stata dura con lui. Ma negli ultimi tre anni è sceso a spirale e lui è finito in quella stanza sul campo. Egli dice: “Prima, ‘prendevo in prestito’ candele dal memoriale di Daphne a La Valletta”, ridacchia, mentre nasconde il viso per l’imbarazzo. “Ora, mi danno le candele qui”. A 14 anni, è andato in una casa per bambini dopo che i suoi genitori sono rimasti entrambi uccisi in un incidente stradale… pochi giorni prima di Natale. “Questo periodo dell’anno è molto difficile per me. Stavano guidando e si sono schiantati contro un grosso veicolo”, dice mentre culla una tazza di caffè caldo.

Paul si è trasferito a Malta 32 anni fa, quando ha incontrato sua moglie maltese e ha vissuto nella proprietà di famiglia. Quando il loro matrimonio è fallito, è rimasto senzatetto. Ha, poi, perso il lavoro come guardia giurata. Non ha benefici sociali, dice, poiché ha perso la carta d’identità e non ha i documenti necessari per rinnovarla. Gli avvocati della mensa dei poveri stanno cercando di aiutarlo a risolvere questo problema. Mentre Paul si allontana, un uomo egiziano di 43 anni entra nella stanza e si siede. Lavora nell’edilizia ma quando non lavora fatica a sbarcare il lunario. “Sono molto carini qui. Vengo qui quando non ho soldi e ho bisogno di mangiare”, dice. Un libico si fa strada con le stampelle, la gamba destra ingessata. Fa lo stuccatore, ma il suo infortunio – riportato quando è stato investito qualche mese fa – gli impedisce di lavorare. Non può permettersi il cibo perché ogni suo centesimo va a coprire l’affitto. Prima di uscire, un uomo con un sorriso smagliante e denti mancanti racconta come trascorre le sue intere giornate a La Valletta e dorme su alcuni gradini della capitale. La mensa offre a lui e agli altri più del cibo. Offre calore e dignità. Questa è la loro realtà. Questa è la loro bolla. Per maggiori informazioni sulla mensa e per sostenere l’iniziativa, visita il sito (soupkitchenofmvalletta.com). Questa santissima iniziativa è una classica icona della minorità francescana. Essa ci ricorda ampiamente il discorso di papa Francesco fatto ai partecipanti al capitolo generale dell’Ordine dei Frati Minori, presso la Sala Clementina, martedì 26 maggio 2015, quando disse: “Minorità significa anche uscire da se stessi, dai propri schemi e vedute personali; significa andare oltre le strutture – che pure sono utili se usate saggiamente –, andare oltre le abitudini e le sicurezze, per testimoniare concreta vicinanza ai poveri, ai bisognosi, agli emarginati, in un autentico atteggiamento di condivisione e di servizio”.

di Fra Mario Attard

Print Friendly, PDF & Email