Malta – La Casa Cosmana Navarra

In questi giorni, ho avuto la grazia di essere invitato per un pranzetto al ristorante che sta nella antica casa di Cosmana Navarra a Rabat. La casa signorile Cosmana Navarra è una residenza tradizionale maltese del XVII secolo a Rabat, il sobborgo di Mdina. Questo edificio aristocratico apparteneva a Cosmana Navarra (1600-1687), per il quale è chiamato fino a oggi. Essa fu la principale benefattrice della ricostruzione della Chiesa parrocchiale di Rabat di San Paulo. La casa si trova di fronte alla Chiesa parrocchiale, accanto al Museo Wignacourt. La maggior parte dell’edificio è stato trasformato in un ristorante, vale a dire il Ristorante Cosmana Navarra.Casa Cosmana Navarra era una delle poche case residenziali costruite nel 17° secolo a Rabat, il sobborgo di Mdina. Infatti, come edificio fuori città fortificata, non fu stato mai incoraggiato. Cosmana Navarra (Nata Guzmana Cumbo; quando sposò, Cassar; conosciuto dal cognome di sua madre come Navarra) fu la figlia di Gakbu Cumbo e Cornelia Cumbo (nata Navarra), della famiglia Cumbo-Navarra. Il 22 giugno 1625, all’età di 25 anni, si sposò con il suo unico marito Lorenzo Cassar nella (precedente) Cattedrale di Imdina. Il matrimonio fu senza figli, nel qual caso ha dato Cosmana Navarra più tempo da dedicarsi alla costruzione della sua casa e la ristrutturazione della Chiesa parrocchiale di Rabat, Malta. Cosmana Navarra fu una devotissima di San Paolo. E questo fu dimostrato dal suo interesse e anche le azioni coinvolte con il sito di pellegrinaggio di San Paolo a Rabat, esattamente alla Grotta di San Paolo, presso il Museo di Wignacourt di oggi.

Essa fu una benefattrice principale per la ricostruzione della Chiesa della parrocchia che era stata destinata per ricevere parecchi pellegrini dall’Europa. Questo fatto può essere considerato uno sviluppo storico nel turismo a Malta. Essa fece in modo che casa Cosmana Navarra e il Museo Wignacourt sono entrambi presenti come l’edificio principale ai lati opposti di fronte alla Chiesa, di cui entrambi sono edifici d’angolo. Attraverso il suo padre il suo cognome fu Cumbo e con il matrimonio diventò ufficialmente Cassar. Nonostante tutto questo lei fu sempre riferita dal cognome di sua madre, Navarra.Cosmana fu la mente dopo le varie parti della ricostruzione della Chiesa parrocchiale di San Paolo che si trova appena fuori la sua casa d’angolo, casa Cosmana Navarra. Il nuovo disegno sulla chiesa fu dato a Lorenzo Gafa secondo la scelta di Cosmana.

I lavori sulla chiesa parrocchiale iniziarono nel 1653, ma si fermarono per un breve tempo nel 1662, per poi proseguire nel 1664. Un documento datato il 19 aprile 1664 dice che Cosmana pagò 1700 scudi per la prosecuzione del progetto che si era fermato nel 1662. Nel 1666, la Cappella di San Anton fu completata e ricevette la benedizione del vescovo locale Lucas Buenos. Questo fatto è noto con una lettera inviata dal vescovo a Cosmana che porta la data del 10 luglio 1666. Alla fine, Cosmana aveva pagato per il dipinto titolare della chiesa nel 1678, seguito dal sagrado della chiesa un anno dopo nel 1679. Cosmana scrisse al Gran maestro Nicolas Cotoner per lo scopo di venderla una terra vicina accanto alla chiesa parrocchiale, di cui l’acquisizione potrebbe estendere e migliorare la chiesa e i suoi dintorni. Sfortunatamente, al suo disappunto la sua richiesta fu inizialmente negata. Storicamente, c’era sempre un conflitto tra l’ordine di San Giovanni e i sacerdoti cattolici a Malta, nel qual caso questo includeva anche questioni relative alla grotta di San Paolo.

Nel 1680, il gran maestro Gregorio Carafa concesse di dare la proprietà accanto alla chiesa a Cosmana, permettendole di costruire la cappella di Santo Stefano come parte delle cappelle laterali della chiesa parrocchiale, a condizione di avere la sua imagine nella chiesa. Più tardi, Cosmana aggiunse anche la cappella di San Publio alla chiesa parrocchiale. Nel 1683, Cosmana pagò per la costruzione di una metropolitana per la grotta di San Paolo e anche per la nuova facciata barocca della chiesa parrocchiale appena vista fuori dalla sua casa. Cosmana morì il 30 gennaio 1687. Aveva 87 anni e fu internata alla cappella di San Anton, che si trova all’interno della chiesa parrocchiale di San Paolo. Il suo ambizioso piano per la ricostruzione della chiesa parrocchiale fu terminato prima della sua morte. In ricordo di lei, come la benefattrice della chiesa parrocchiale ci sono almeno due opere d’arte che la raffigurano all’interno della Chiesa. Significativamente queste pitture caratterizzano: il sagrado laterale della chiesa parrocchiale e i disegni della chiesa nelle sue mani. Queste immagini furono volutamente dipinte per trasmettere un messaggio che fu lei la principale benefattrice dei progetti.

Nel 1735, l’artista Gannikol Buhagiar, fu incaricato di dipingerla. Oggi, la sua pittura si trova nella sacrestia della Cappella di San Anton dove è sepolta. Lo stemma della famiglia mostra parecchi oggetti e luoghi come la pietra tombale di Cosmana e la pittura che c’è nella chiesa parrocchiale, i manufatti d’argento che ha lasciato come eredità alla Chiesa a Malta e sull’interno della porta principale d’ingresso della Casa Cosmana Navarra. Cosmana scrisse la sua eredità nel 1675 con il notaio locale Nicola Allegretto. Casa Cosmana Navarra è considerata come casa tradizionale maltese. Ressa ha una facciata vernacolare e moderna che include un balcone chiuso in legno e due colonne neoclassiche non comuni al tempo. All’interno, è dotata di alcune architetture barocche tra cui lo stemma della famiglia, gli archi decorativi da una stanza all’altra al piano superiore, e le caratteristiche del cortile ex (ora una stanza pure). Ha diverse camere spaziose all’interno. Quando visiterai la chiesa e la grotta di San Paolo val la pena visitare la Casa Cosmana Navarra e anche goderai la favolosa cucina che questo storica casa offre al visitatore.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*