Gli angeli della Croce Rossa di Messina

Sono testimone e protagonista di un fatto che può dare conforto e speranza a tanti malati della nostra Città, soprattutto in questo periodo particolarmente difficoltoso per tutti. Perciò, mi affretto a comunicarlo attraverso la trascrizione fedele del dialogo che si è stabilito, venerdì scorso, tra me, malato bisognoso di aiuto, e “gli angeli” – lasciatemelo dire – della Croce Rossa di Messina. Ecco:

Fodale:Pronto. Croce Rossa? Sono un cardiopatico e sono costretto a stare a casa per evitare il Coronavirus. Dovrei ritirare un farmaco ‘salvavita’ al Mandalari di Messina, ma non potendo uscire, non so come fare

CRI:Non si preoccupi. Lei ha delle ricette o un piano terapeutico?

Fodale:Sì, ho un piano terapeutico

CRI:Bene, domattina verremo a ritirarlo e andremo noi stessi a prendere i farmaci

Fodale:Scusi, ho dei costi?

CRI:No, assolutamente no

Alle ore 10.00 del giorno dopo, squilla il telefono: “Siamo della Croce Rossa, siamo venuti a ritirare il piano farmaceutico”. Ebbene, sì, dopo un paio d’ore gli angeli della Croce Rossa di Messina, Tiziana e Alice, mi consegnavano il farmaco salvavita. Nonostante il giorno prefestivo, il personale della Farmacia del Mandalari – a cui va il mio animo grato – era, peraltro, rimasto sul posto di lavoro. Mi andavo ripetendo con orgoglio che ai messinesi non è mai mancato lo spirito di collaborazione e solidarietà nei momenti difficili, mentre il mio viso si riempiva di lacrime, ho solo potuto dire GRAZIE.

Rosario Fodale

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*