Messina – Esposta a Palazzo Zanca la Bandiera della Croce Rossa

La Bandiera della Croce Rossa Italiana è stata consegnata stamani all’assessore alle Politiche Sociali, Alessandra Calafiore, da una delegazione del Comitato CRI di Messina presieduto da Antonio Chimicata, composta dalle consigliere, Francesca Melita, la sorella Elisa Cavallaro, Chiara Berardi, consigliera dei giovani e da due volontari, per essere esposta sulla balconata di Palazzo Zanca in occasione della Giornata Mondiale della Croce Rossa che si celebra l’otto maggio. Nel ricevere l’insegna della Croce Rossa, l’assessore Calafiore ha manifestato il suo personale compiacimento, a nome anche dell’Amministrazione comunale. “Simili iniziative rappresentano il segno tangibile di un legame che vede sempre più spesso la Croce Rossa Italiana e il Comune uniti nelle attività di vicinanza ai più vulnerabili. In particolare, in questo momento storico di emergenza sanitaria – ha evidenziato la rappresentante della Giunta De Luca – e per le situazioni di necessità che la pandemia ha generato, il contributo che la Croce Rossa Italiana ha dato e continua a offrire è, certamente, prezioso e importante; per questo merita l’apprezzamento da parte di tutti noi”.

L’Amministrazione comunale ha accolto, altresì, la richiesta di illuminare di colore rosso sino a mercoledì 9, la Fontana Senatoria di piazza Unione Europea, al fine di sensibilizzare la cittadinanza al movimento della Croce Rossa e fare conoscere quali sono i compiti svolti dalle migliaia di volontari che operano in maniera incessante mettendo spesso a rischio la propria vita per il bene della comunità. Quest’anno, la Giornata mondiale dell’otto maggio coincide con quella della nascita di Henry Dunant, considerato il fondatore del Movimento, un giorno in cui in tutto il mondo – 98 milioni di persone, di cui 150mila in Italia – sotto l’emblema della Croce Rossa manifestano a tutto il pianeta i Sette Principi su cui si basa l’organizzazione e per ricordare quei volontari impegnati sui fronti di crisi e di guerra.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*