Malta – Una ONG lancia un nuovo servizio per combattere la solitudine di blocco

Un centro educativo, che ha dovuto chiudere le porte a causa delle restrizioni poste in atto per contrastare la diffusione di COVID-19, ha rinnovato alcuni dei suoi servizi e ora comunicherà coi suoi soliti visitatori da lontano, ovviamente con l’aiuto della tecnologia. Ċentru Tbexbix (Centro Aurora), che opera da una casa del XVII secolo a Cospicua, ha gestito programmi sociali ed educativi intergenerazionali negli ultimi 14 anni. Questa ONG è stata fondata da Catherine Azzopardi che ne è il direttore. A causa dell’attuale necessità per tutti noi di impegnarci nel distanziamento sociale per misure precauzionali, Ċentru Tbexbix ha sospeso i suoi programmi fino a nuovo avviso, ha detto Deborah Falzon, coordinatrice del progetto. Tuttavia, abbiamo avviato un nuovo programma in risposta alle attuali esigenze dei nostri clienti anziani e speriamo di supportare altri adulti e anziani che vivono da soli.

La ONG si tiene al passo con le esigenze e le attività quotidiane dei propri clienti effettuando il check-in in remoto, sia al telefono che tramite videoconferenza e social media, ove possibile. Mentre offrono ancora i loro soliti servizi di assistenza agli anziani nelle faccende domestiche come fare la spesa o accedere ai servizi necessari, di fronte al dover trascorrere il prevedibile futuro isolati in casa, i volontari si stanno concentrando sul collegamento sociale. Con le autorità e le organizzazioni locali che forniscono servizi efficienti ed efficaci per soddisfare le esigenze di base delle persone che vivono da sole, riteniamo che il prossimo passo sia quello di fornire supporto sociale alle persone che vivono da sole, compresi gli anziani che sono ad alto rischio di solitudine, ha affermato la Falzon. Non sappiamo quanto durerà questo periodo di necessario isolamento sociale, quindi, dobbiamo attuare strategie sia a breve che a lungo termine per proteggere le persone più vulnerabili dall’esperienza della solitudine e dai suoi effetti negativi.

Dall’inizio della pandemia a livello locale, il centro ha supportato oltre 60 anziani telefonandoli per aiutare con bisogni speciali, guidandoli ai servizi attuali e impegnandosi in conversazioni per assicurarsi che continuino a sentirsi collegati e amati dalla loro comunità. Mentre le autorità continuano a sollecitare le comunità vicine a prendersi cura degli anziani e degli altri che sono stati invitati a rimanere in casa per preservare al meglio la propria salute, l’offerta di una conversazione e compagnia da lontano si sono state molto apprezzate. “Grazie per aver pensato a me, non mi sento così solo, grazie a Dio per te”, ha detto a una volontaria una donna di 74 anni. “Alcune delle persone più vulnerabili della comunità non hanno computer o smartphone o, addirittura, una connessione Internet in alcuni casi”, ha aggiunto la coordinatrice del progetto. “La maggior parte degli anziani si affida alla media come la televisione o i giornali. Quindi, se vogliamo rimanere in contatto, è importante raggiungerli dove sono più a loro agio”, ha detto Deborah Falzon.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*