I maltesi vivono una lunga vita, ma l’obesità rimane una grave minaccia

I maltesi godono, generalmente, di buona salute e di una delle più alte aspettative di vita in Europa grazie al miglioramento dei sistemi sanitari negli ultimi due decenni, secondo il profilo sanitario nazionale di Malta. Il rapporto è stato redatto per tutti gli Stati membri, nonché per l’Islanda e la Norvegia, dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico e l’Osservatorio europeo sui sistemi e le politiche sanitari, con l’obiettivo di raggruppare i dati di fatto sulla salute nei Paesi europei. Si è riscontrato che Malta ha la settima aspettativa di vita più alta alla nascita a 82,4 anni, 1,5 anni in più rispetto alla media dell’UE di 80,9 anni. La Spagna ha la più alta aspettativa di vita in Europa con 83,4 anni, mentre la Bulgaria ha la più bassa con 74,8 anni. Il divario di genere nell’aspettativa di vita vede le donne vivere in media 4,4 anni in più rispetto agli uomini, 0,8 anni in meno rispetto alla media UE di 5,2 anni. Nella visione panoramica della salute maltese si può dire che, grazie al miglioramento dei servizi sanitari, il tasso di mortalità per malattie cardiovascolari è diminuito di quasi il 50% tra il 2000 e il 2016, ma rimane ancora la principale causa di morte per uomini e donne. Il cancro era la seconda principale causa di morte tra gli adulti, con diversi tumori responsabili di quasi il 27% dei decessi. Il tasso di mortalità per carcinoma mammario è diminuito drasticamente negli ultimi 15 anni, passando dal più alto nell’UE nel 2000 al sotto la media dell’UE nel 2016. Le morti per cancro alla prostata sono anche tra le più basse dell’UE, tuttavia, non sono stati compiuti progressi simili nel cancro del pancreas, con tassi di mortalità tra gli uomini che continuano ad aumentare. L’HIV ha dimostrato di essere una sfida significativa per la salute pubblica, con Malta che ha segnalato la terza più alta notifica di nuovi casi di HIV nell’UE. La diagnosi di nuovi casi è aumentata del 50% dal 2008, contrariamente alla tendenza al ribasso osservata nel resto d’Europa.

Il profilo ha anche scoperto che c’era una sostanziale disparità nella buona salute segnalata nei gruppi di reddito. Nove persone su dieci nella percentuale di reddito più elevato dichiarano di essere in buona salute, mentre solo sei su dieci delle persone con reddito più basso riferiscono allo stesso modo. Purtroppo, le cattive abitudini resistono a morire. Circa due decessi su cinque a Malta potrebbero essere attribuiti a fattori di rischio comportamentali, mentre uno su cinque decessi era collegato al rischio dietetico, come un basso apporto di frutta e verdura e un alto consumo di zucchero e sale. Poi, il consumo di tabacco e la bassa attività fisica sono responsabili rispettivamente di circa il 17% e il 4% di tutti i decessi. L’obesità a Malta rimane ancora una grave minaccia per la salute pubblica, con i tassi di obesità che salgono ai massimi nell’UE sia negli adulti che nei bambini. Uno su quattro adulti, nel 2017, e uno su tre di 15 anni nel 2014 erano obesi. Ciò è attribuito a una serie di fattori, stili di vita principalmente sedentari, grandi porzioni e dieta tradizionale che vengono sostituiti da alimenti non sani. Solo la metà degli adulti ha dichiarato di aver mangiato una verdura ogni giorno, mentre due persone su cinque non partecipano ai 150 minuti consigliati di esercizio fisico moderato alla settimana. I tassi di fumo sono rimasti più o meno stabili negli adulti dal 2008, con uno su cinque che ha dichiarato di fumare, quotidianamente, che è leggermente superiore alla media UE. Tuttavia, il fumo negli adolescenti è diminuito in modo sostanziale nell’ultimo decennio, con il fumo tra i 15 ei 16 anni che è il quinto più basso nell’UE. Si è scoperto che l’abuso di alcolici è fonte di preoccupazione per la salute pubblica, in quanto uno su cinque degli adulti a Malta ha riferito di bere pesantemente almeno una volta al mese, il che era equo con la media UE. Nei bambini dai 15 ai 16 anni, il 50% delle ragazze e il 45% dei ragazzi hanno riportato almeno un episodio di abbuffata nell’ultimo mese.

Nel discorso sull’espansione dei servizi sanitari Malta spende il 9,3 per cento del suo PIL nell’assistenza sanitaria, che è leggermente inferiore alla media UE del 9,8 per cento. Il rapporto ha evidenziato che, mentre l’assistenza primaria veniva rafforzata attraverso l’ammodernamento della forza lavorativa e il potenziamento delle strutture, è essenziale riorientare i servizi lontano dagli ospedali e verso le cure primarie e ambulatoriali. Le segnalazioni di esigenze mediche insoddisfatte in materia di assistenza sanitaria pubblica sono generalmente scarse a Malta, tuttavia, le spese vive maltesi per le cure private primarie e ambulatoriali sono tra le più alte dell’UE, in gran parte nel tentativo di aggirare le lunghe liste di attesa. Mentre le liste di attesa per le cure per pazienti ospedalizzati sono state ridotte con successo, le liste di attesa per le cure ambulatoriali continuano a crescere. Malta ha visto un aumento dei medici e degli infermieri che lavorano nell’assistenza sanitaria, eppure il rapporto ha suggerito che un affidamento sugli infermieri migranti nelle cure acute e a lungo termine potrebbe rappresentare una sfida per la forza lavorativa in futuro.

di Fra Mario Attard

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*