Don Anton Teuma è il nuovo vescovo di Gozo

Don Anton Teuma è il nuovo vescovo di Gozo. La sua nomina da parte di papa Francesco è stata annunciata, alle ore 12.00, dal nunzio apostolico del Santuario di Ta ‘Pinu, mercoledì 17 giugno 2020. Questo esemplare sacerdote è di Xagħra e, negli ultimi anni, è stato incaricato di svolgere il coordinamento pastorale familiare. Mons. Teuma è il nono vescovo nella rassegna dei vescovi della diocesi di Gozo. Il vescovo Teuma ha dichiarato di essere stato sopraffatto da un senso di gratitudine, ma anche di apprensione e ha insistito di lavorare insieme affinché la figura di Gesù Cristo rimanga famosa e amata. Famoso e apprezzato da tutti per le sue spiccate capacità umane e pastorali. Si tratta del più caro don Anthony Teuma, ha detto mons. Alessandro d’Errico, il nunzio apostolico di Gozo. L’annuncio della nomina da parte del Nunzio è stato accolto con lunghi applausi dai sacerdoti gozitani riuniti nel Santuario di Ta ‘Pinu con padre Anton Teuma che ha risposto con un grazie. Il nuovo vescovo ha espresso di provare un grande senso di gratitudine nei confronti di Dio, dei sacerdoti gozitani e della comunità cristiana di Gozo e, allo stesso tempo, un sentimento di apprensione all’inizio di una nuova fase della sua vita. Mons. Teuma ha ribadito il suo impegno di lavorare per il bene della comunità di Dio e affinché la figura di Gesù rimanga famosa e amata da quante più persone possibile.

Con l’immagine della Madonna Ta ‘Pinu, appena rinnovata, sullo sfondo e alla presenza di alcuni suoi parenti, don Anton ha dichiarato che, in quel momento, si sentiva la persona più bisognosa di Gozo. Ha detto di aver bisogno sia di sacerdoti e persone entrambi. Ha sostenuto che coloro che per qualche ragione hanno dovuto abbandonare la loro attività pastorale saranno invitati a tornare a bordo in modo che insieme continuino a lavorare per Cristo e lo portino in ogni angolo della comunità.

È stato significativo il momento in cui il vescovo e l’attuale amministratore apostolico, mons. Mario Grech, ha messo lo zucchetto del vescovo in testa, una delle insegne che indica un vescovo, mentre gli presentava un crocifisso. Il vescovo Grech ha affermato che la presentazione del crocifisso indica il processo di successione poiché lui stesso lo aveva ricevuto dal vescovo Cauchi che, oggi, sarebbe stato gioioso. Il vescovo Grech ha dichiarato di sentirsi a proprio agio nel descrivere il vescovo appena nominato come una persona che ha dedicato la sua vita a Cristo. L’attuale amministratore apostolico ha precisato che il nuovo vescovo deve essere venerato dagli occhi dei fedeli, come è giusto fare a un nuovo vescovo. Ha detto che c’è sempre il rischio che un tale appuntamento venga visto come quello di un CEO in una ONG. Ma la Chiesa non è così. Poi, mons. Grech continuava a dire che quando alcuni giorni fa aveva incontrato don Teuma, il commento che aveva fatto era musica per le sue orecchie perché aveva detto che voleva una Chiesa che è al centro della comunità. Ed è quello che ha auspicato per la Chiesa.

Nato e cresciuto in una famiglia di quattro figli, il vescovo Anton Teuma ha 56 anni e la prossima settimana celebrerà 32 anni di sacerdozio. Mentre studiava al Seminario, aveva trascorso un anno a lavorare come saldatore in Australia, dove aveva acquisito una licenza nel commercio e anche quella di un elettricista. Mons. Teuma aveva trascorso il primo anno del suo sacerdozio a studiare la pastorale a Roma ed era tornato a Gozo nel 1997 dove aveva trascorso dieci anni come rettore del seminario. Dopo un anno in Terra Santa, aveva trascorso molto tempo a studiare, compresi gli studi di terapia familiare. Negli ultimi 12 anni, è stato istruttore al Seminario ed è stato delegato del vescovo per la pastorale familiare. I suoi hobby includono lo sport e l’esecuzione di lavori manuali. Il presidente George Vella, il primo ministro Robert Abela e i vescovi Charles Scicluna e Joseph Galea Curmi, nonché il leader dell’opposizione, Adrian Delia, hanno inviato i loro migliori auguri al nuovo vescovo mentre hanno espresso la loro gratitudine per il lavoro svolto dal vescovo, mons. Mario Grech, che, negli ultimi 14 anni, aveva guidato la diocesi di Gozo. Da agosto in poi, il vescovo Grech avrà sede presso il Vaticano nel ruolo di segretario generale del Sinodo dei vescovi. Papa Francesco ha indicato ben cinque consigli ai vescovi:

Il primo, la vicinanza a Dio. Dice: “La vicinanza a Dio è la sorgente del ministero del Vescovo. Dio ci ama, si è fatto più vicino di quanto potessimo immaginare, ha preso la nostra carne per salvarci. Questo annuncio è il cuore della fede, deve precedere e animare ogni nostra iniziativa. Noi esistiamo per rendere palpabile questa vicinanza. Ma non si può comunicare la prossimità di Dio senza farne esperienza, senza sperimentarla ogni giorno, senza lasciarsi contagiare dalla sua tenerezza. Ogni giorno, senza risparmio di tempo, bisogna stare davanti a Gesù, portargli le persone, le situazioni, come canali sempre aperti tra Lui e la nostra gente. Con la preghiera diamo al Signore cittadinanza là dove abitiamo. Sentiamoci, come san Paolo, fabbricanti di tende (cfr At 18,3): apostoli che permettono al Signore di abitare in mezzo al suo popolo (cfr Gv 1,14)”.

Il secondo, la vicinanza al popolo. Scrive: “Dalla vicinanza a Dio alla vicinanza al suo popolo. Stando vicini al Dio della prossimità, cresciamo nella consapevolezza che la nostra identità consiste nel farci prossimi. Non è un obbligo esterno, ma un’esigenza interna alla logica del dono. Questo è il mio Corpo offerto per voi”, diciamo nel momento più alto dell’offerta eucaristica per il nostro popolo. La nostra vita scaturisce da qui e ci porta a diventare pani spezzati per la vita del mondo. Allora, la vicinanza al popolo affidatoci non è una strategia opportunista, ma la nostra condizione essenziale. Gesù ama accostarsi ai suoi fratelli per mezzo nostro, per mezzo delle nostre mani aperte che accarezzano e consolano.

Il terzo, la disponibilità reale. Afferma: “La vicinanza del Vescovo non è retorica. Non è fatta di proclami autoreferenziali, ma di disponibilità reale. Dio ci sorprende e spesso ama scombussolare la nostra agenda: preparatevi a questo senza paura. La prossimità conosce verbi concreti, quelli del buon Samaritano: vedere, cioè non guardare dall’altra parte, non far finta di nulla, non lasciare le persone in attesa e non nascondere i problemi sotto il tappeto. Quindi, farsi vicini, stare a contatto con le persone, dedicare tempo a loro più che alla scrivania, non temere il contatto con la realtà, da conoscere e abbracciare. Poi fasciare le ferite, farsi carico, prendersi cura, spendersi (cfr Lc 10,29-37). Ognuno di questi verbi della prossimità è una pietra miliare nel cammino di un Vescovo col suo popolo”.

Il quarto, l’attenzione agli ultimi e la sobrietà. Osserva: “Il termometro della vicinanza è l’attenzione agli ultimi, ai poveri, che è già un annuncio del Regno. Lo sarà anche la vostra sobrietà, in un tempo nel quale in molte parti del mondo tutto è ridotto a mezzo per soddisfare bisogni secondari, che ingolfano e sclerotizzano il cuore. Farsi una vita semplice è testimoniare che Gesù ci basta e che il tesoro di cui vogliamo circondarci è costituito piuttosto da quanti, nelle loro povertà, ci ricordano e ripresentano Lui: non poveri astratti, dati e categorie sociali, ma persone concrete, la cui dignità è affidata a noi in quanto loro padre”.

Il quinto, la vicinanza ai propri sacerdoti. Incoraggia: “Infine, vi chiedo ancora di riservare la vicinanza più grande ai vostri sacerdoti che vi prego di abbracciare, ringraziare e rincuorare a nome mio. Anche loro sono esposti alle intemperie di un mondo che, pur stanco di tenebre, non risparmia ostilità alla luce. Hanno bisogno di essere amati, seguiti, incoraggiati: Dio non desidera da loro mezze misure, ma un sì totale. In acque poco profonde si ristagna, ma la loro vita è fatta per prendere il largo. Come la vostra. Coraggio, dunque, fratelli carissimi! Carissimo mons. Teuma auguroni! Preghiamo intensamente per te e ti offriamo la nostra umile collaborazione!”.

di Fra Mario Attard

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*