Malta – “Fermarsi non era nella mia agenda” dichiara il nuotatore Neil Agius

Il venerdì 26 giugno, Neil Agius ha nuotato dalla Sicilia a Malta in un record di 28 ore, 7 minuti e 28 secondi. L’impegno non era solo il massimo in termini di standard, poiché l’ex olimpionico vuole ispirare gli altri a essere il cambiamento che vogliono vedere per il pianeta. Seduto in un caffè a Naxxar, Neil Agius è fresco, calmo e raccolto, trovando rifugio in una fenditura d’ombra dal sole cocente dell’estate. Poco più di 24 ore prima, Agius è stato accolto da un fragoroso applauso e allegria, mentre una folla emotiva lo ha visto salire la scala dall’acqua al pitch di San Giuliano dopo il suo epico viaggio. L’ex olimpionico 34enne e allenatore di nuoto ha ora completato la sesta nuotata più lunga della categoria non assistita e la distanza più lunga di sempre per un nuotatore maschio della stessa categoria. E mentre il Paese ha seguito il suo viaggio con entusiasmo, controllando periodicamente i loro telefoni per un piccolo punto gps in un mare tentacolare di blu, mentre si fa strada attraverso il canale, Agius non è in esso per la gloria.

Dichiara Neil: Quando nuoti con la faccia nell’acqua, le cose che vedi in fondo sono sorprendenti. Frigoriferi, cancelli, sedie a sdraio, corde, un’abbondanza di bicchieri di plastica e scatole da asporto. Ho sempre voluto nuotare intorno a Malta, ma ho sempre trovato delle scuse e rimandato. Un giorno la mia ragazza mi disse di non parlarne più visto che rimandavo sempre la traversata. Quindi, decisi di non avere più scuse, era ora di farlo. E con quella prima nuotata a Malta, nel 2018, è arrivata Wave of Change, una campagna online dedicata alla sensibilizzazione sui rifiuti oceanici e all’educazione del pubblico su come ridurlo. Volevo che le persone fossero ispirate a far parte delle soluzioni e che desiderassero avere un ambiente migliore e mari più puliti”.

Neil, sottolinea che senza cooperazione si può ottenere molto poco, proprio come non si può semplicemente salire su una barca per la Sicilia e decidere di nuotare da soli. “Avevo una squadra di 20 persone con me che rimasero sveglie per tutto il tempo. Le persone che mi hanno accompagnato nell’impresa, si assicuravano che stessimo andando nella direzione giusta, i dottori, le persone che mi hanno nutrito, le persone che hanno nuotato con me, mi hanno tenuto compagnia e mi hanno tenuto su di morale”. L’ondata di cambiamento non è solo per Neil, ma è per ogni persona che l’ha aiutato lungo la strada per arrivarci. Ma nell’acqua per 28 ore, l’ex olimpionico dice che sei sempre solo nella tua testa. “Non credo che le persone possano capire o, addirittura, comprendere appieno, il bilancio fisico di fare qualcosa del genere, un’azione ripetitiva per così tanto tempo. Ma dopo un certo punto non è più questione di fisico, ma di resistenza mentale. Devi rimanere calmo e rimuovere tutti i pensieri dalla tua testa. Pensi solo al prossimo colpo, sentendo la tua mano entrare e uscire dall’acqua, è quasi come uno stato meditative. Questo è ciò che ti fa superare le parti più difficili della nuotata. Devi visualizzare te stesso e lo stato d’animo in cui vuoi essere e prima di saperlo, sarai arrivato”.

Nonostante il suo atteggiamento positivo, il viaggio ha chiaramente lasciato le sue cicatrici fisiche su Neil. Il bruciore del sole sulla sua pelle, le punture di inconsapevoli meduse che si intromettevano, la lunga esposizione all’acqua salata che, alle 3 del mattino, diventò così fredda che Neil non poté fare a meno di piangere. C’è stato un punto che ha ritenuto ragionevole rinunciare? “Fermarsi non è mai stato nell’ordine del giorno, non l’ho nemmeno preso in considerazione”, dice Neil con fiducia. “Capisco che esiste una linea sottile tra fiducia eccessiva e sapere cosa devi ottenere e come raggiungerlo. Ma se dici bene, se fa troppo freddo, allora posso semplicemente smettere, quindi ti stai dando una scusa per smettere. Quando sono là fuori, penso a me stesso completamente solo. Non riesco a toccare la barca, non posso fare una pausa se sono stanco. Visualizzo solo fino alla fine”. Considerando tutti gli ostacoli, Neil afferma di avere, persino, un piano di emergenza nel caso incontrasse qualche squalo. “Mi sentivo molto a mio agio in acqua, per la maggior parte del tempo. C’era una buona energia. Gli squali non sono sempre le drammatiche frenetiche poppate che vediamo in TV – afferma –. Ho pensato a me stesso e se mi fossi trovato faccia a faccia con uno squalo agitato al punto da attaccarmi, lo schiverei come farebbe un matador”. Poi continua: “Ma di notte, quando era buio ed ero freddo e stanco, allora tutto è diventato reale. È molto intenso, attraversi molte emozioni che devi elaborare in modo sano. Ho pianto con gli occhiali in modo che il team non si preoccupasse. Ogni persona che si sente ispirata a cambiare anche un solo comportamento per quello che ho fatto, per me è una vittoria. Voglio che le persone sappiano che si può fare la differenza, anche se non fai il bagno. Piccole e semplici azioni, come raccogliere tre pezzi di rifiuti e chiedere agli amici di fare lo stesso è già un mondo per fare la differenza”. Con sua straordinaria bravura, il grande nuotatore Neil Agius mi fa ricordare quello che ha detto il celebre nuotatore statunitense e vincitore di ben otto medaglie d’oro olimpici ai giochi olimpici ad Atene 2004: “Se vuoi davvero qualcosa, niente potrà impedirti di realizzarla”.

di Fra Mario Attard

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*