Malta – La Curia dice che è difficile attenersi alle linee guida vaticane sulle tariffe

Il Vaticano potrebbe aver sgridato i sacerdoti per le tariffe per matrimoni e funerali, ma la Chiesa di Malta afferma che deve ancora coprire le spese relative all’amministrazione dei sacramenti. Un portavoce della Curia ha sottolineato che l’Arcidiocesi sta, attualmente, sfruttando le eccedenze passate per sostenere la sua missione pastorale, tale è la sua grave situazione di flusso di cassa a seguito della pandemia. All’inizio di questo mese, la Santa Sede ha affermato che i sacerdoti non devono addebitare prezzi fissi per amministrare i sacramenti, di non dare l’impressione che la celebrazione dei sacramenti – soprattutto, la Santissima Eucaristia – e le altre azioni ministeriali possano essere soggette a tariffari (no.40). Un’offerta – ha affermato la Santa Sede nelle sue linee guida riviste ai sacerdoti – per sua natura, deve essere un atto libero da parte dell’offerente, lasciato alla sua coscienza e al suo senso di responsabilità ecclesiale, non un ‘prezzo da pagare’ o una ‘tassa da esigere’, come se si trattasse di una sorta di ‘imposta sui sacramenti’ (no.118). Le pratiche della chiesa locale rischiano di incappare in quelle linee guida e, mentre un portavoce della Curia ha affermato che in linea di principio ‘non si può dare un prezzo ai sacramenti’, ha anche detto che i costi devono comunque essere coperti.

A livello locale, le parrocchie applicano una tariffa nominale di € 120 per i matrimoni e di € 85 per i funerali, con quote di matrimonio che rimangono invariate dal 2012. I battesimi non hanno un prezzo, ma una donazione viene, normalmente, offerta dai genitori alla parrocchia. Un portavoce della Curia maltese ha detto che la Chiesa fa molto affidamento sui volontari e deve coprire i costi che includono stipendi, spese generali come bollette, lavori di manutenzione e materiali di consumo necessari per le celebrazioni. “La tradizione di contribuire alla Chiesa e di sostenere i suoi ministri e il lavoro pastorale per il bene della comunità è una norma universale che risale a diversi secoli fa riferimento anche al Diritto Canonico – ha detto il portavoce –. Mentre molte chiese cattoliche romane chiedono donazioni per le Messe – e, in alcuni Paesi, possono essere l’unica fonte di reddito per i sacerdoti – anche il Vaticano, tramite questo documento, dice: In ogni caso, ‘dall’offerta delle Messe deve essere, assolutamente, tenuta lontana anche l’apparenza di contrattazione o di commercio’, tenuto conto che ‘è vivamente raccomandato ai sacerdoti di celebrare la Messa per le intenzioni dei fedeli, soprattutto dei più poveri, anche senza ricevere alcuna offerta’” (no.121). Altri hanno specifici listini prezzi per vari servizi, dai battesimi alle messe in memoria dei morti, una pratica che la Santa Sede non osserva. Un organizzatore di matrimoni locale ha confermato che, al di sopra della quota fissa di € 120, le donazioni possono essere fatte anche al sacerdote, alla chiesa e al sacrestano da chiunque lo desideri, mentre un direttore del funerale ha detto che una donazione extra di € 20 è stata, spesso, pagata per ogni sacerdote aggiuntivo, anche se questo potrebbe anche essere rifiutato.

Egli ha anche detto che la tariffa di € 85, addebitata per i funerali, non è stata disapprovata, dal momento che il prete dovrebbe prima andare in ospedale, quindi, condurre un servizio in chiesa e la sepoltura in un cimitero, che ha impiegato molto tempo. Il direttore ha affermato che i parroci erano noti per rinunciare alle tariffe per le persone molto povere e un portavoce della Curia ha detto che persino la maggior parte dei preti ha smesso di richiedere contributi finanziari per i funerali durante l’apice della pandemia di Covid-19, nonostante i redditi delle parrocchie fossero vicini allo zero. Mentre la strana parrocchia non ha rispettato queste istruzioni della Curia, alcune persone hanno, comunque e liberamente, scelto di pagare la tariffa, ha detto il direttore del funerale. Se la sepoltura non avviene al cimitero dell’Addolorata, vengono addebitati, informalmente, 25 euro in più per le spese cimiteriali per coprire i costi di manutenzione, ha detto, sottolineando che queste cose non possono essere addebitate. Alcuni sembravano dimenticare che la Chiesa ha le proprie spese da coprire, ha detto il direttore. Il promemoria del Vaticano ai sacerdoti di non tariffare i sacramenti arriva, nonostante la Chiesa universale sta subendo una ricaduta finanziaria a causa del virus Corona. Il suo ministro delle finanze ha avvertito a maggio che la chiusura dei musei e l’eliminazione degli eventi di raccolta fondi avrebbero visto gli incassi scendere fino al 45%. La pandemia ha esercitato notevoli pressioni sul flusso di cassa sulla Chiesa e sulle sue entità, poiché i proventi delle donazioni e dei contributi si sono prosciugati su tutta la linea, ha riconosciuto il portavoce della Curia. I rendimenti degli investimenti sono precipitati e il dividendo annuale regolare di APS Bank è stato sospeso in linea con una raccomandazione europea. D’altra parte, è aumentata la richiesta di assistenza finanziaria da parte di entità, famiglie e individui e l’arcidiocesi sta scavando nelle eccedenze del passato per sostenere la sua missione pastorale, ha sottolineato il portavoce. E, nonostante tutto ciò, l’istruzione pubblicata dalla Congregazione per il Clero, del 29 giugno 2020, Solennità dei Santi Pietro e Paolo, dice chiaramente: La centralità dello Spirito Santo – dono gratuito del Padre e del Figlio alla Chiesa – porta a vivere, profondamente, la dimensione della gratuità, secondo l’insegnamento di Gesù: “Gratuitamente, avete ricevuto, gratuitamente date” (Mt 10, 8). Egli ha insegnato ai discepoli un atteggiamento di servizio generoso, a essere ciascuno un dono per gli altri (cfr. Gv 13, 14-15), con una attenzione preferenziale verso i poveri. Da qui, deriva, tra l’altro, l’esigenza di non ‘mercanteggiare’ la vita sacramentale e di non dare l’impressione che la celebrazione dei sacramenti – soprattutto, la Santissima Eucaristia – e le altre azioni ministeriali possano essere soggette a tariffari (no.40). E ora che succede? Cos’è la strada da seguire? Forse non è un’occasione dove l’unità e la diversità si mettono insieme in una attitudine sinodale, comunitaria e fraterna, nella ricerca della verità nell’ambito della carità?

Fra Mario Attard OFM Cap

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*