Malta – A un anno dalla prima morte da Covid-19, la famiglia fa appello affinché si seguano le regole

A Malta, la famiglia della prima vittima per Covid-19 – precisamente a un anno e due giorni fa – ha chiesto al pubblico di continuare a seguire le regole del lockdown. Ġorġa Zammit è morta ad aprile 2020, presso l’Ospedale Generale di Gozo, in un momento in cui la maggior parte delle persone si stava isolando a casa, i negozi erano chiusi come anche le frontiere dell’Isola. Da allora, ci sono stati altri 400 morti e il Paese è tornato in uno stato di semi-isolamento, con misure che dovrebbero essere allentate lentamente dalla prossima settimana. La figlia di Ġorġa, Josette, ha detto che poteva capire la frustrazione delle persone per quella che “sembra una saga senza fine”, ma ha esortato il pubblico a essere paziente. “Altre centinaia di famiglie, a Malta, hanno vissuto quello che ha passato la mia famiglia, che è piuttosto triste e straziante”, ha confessato in occasione della morte di sua madre. “Si spera che con il vaccino ci saranno molti meno decessi. Ma dobbiamo aderire alle linee guida emesse dalle autorità sanitarie, in modo da tornare alla vita che conoscevamo prima del Covid, anche se sarà difficile e richiederà più tempo”. Josette ha detto che le speranze della famiglia di celebrare l’anniversario con una messa sono state vanificate a causa del semiblocco, che consente solo i servizi religiosi dalla prossima settimana.

Josette e sua sorella Marthese Caruana avevano ricoverato la loro madre di 92 anni all’Ospedale Generale di Gozo ,nell’aprile 2019, per cure a tempo pieno per demenza, artrite reumatoide e altre condizioni. Dopo il trasferimento in ospedale, le sorelle sono state visitate ogni giorno fino all’11 marzo 2020, quando sono state messe in atto le misure per proteggere le persone vulnerabili dal contrarre il Coronavirus. Da quel giorno, le hanno chiamate telefonicamente tutti i giorni e, occasionalmente, hanno avuto la videochiamata con l’aiuto del personale ospedaliero. Era un lunedì mattina quando Josette la chiamò come al solito e si rese conto che qualcosa non andava. Proprio quel giorno, più tardi, a sua sorella fu detto che alla madre era rimasto poco tempo e si precipitarono in ospedale. Lì, è stato detto loro che Ġorġa sarebbe stata sottoposta al test per Covid-19. È stato uno shock. “Hanno detto che stava morendo e che i suoi reni stavano cedendo. Non potevamo nemmeno avvicinarci a lei. Dovevamo stare dietro la finestra della sua stanza. Ci ha visto e sembrava entusiasta di vederci”, ha ricordato Josette.

La mattina seguente è stato confermato che Ġorġa era positiva al Covid-19. Le sorelle volevano che l’ospedale facesse un altro test, ma non è successo e, poco dopo, Ġorġa è morta. Preparandosi per la sepoltura, l’autista del carro funebre, in un primo momento, si rifiutò di portare il corpo dall’obitorio al cimitero, cambiando idea solo dopo essere stato persuaso dai medici che non correva il rischio di contrarre il virus. “Non era il tipo di sepoltura che avremmo voluto per nostra madre. È stata sepolta nel suo camice da ospedale. La bara doveva essere fumigata. La cerimonia è stata breve. Non potevamo nemmeno seppellirla vicino a nostro padre”. Le sorelle hanno detto che, inizialmente, hanno sentito un senso di stigma quando il Paese ha affrontato il virus e il resto della famiglia non voleva che fosse collegata alla famiglia. Mentre lo stigma è passato e tante altre persone sono state infettate, le sorelle sono ancora ossessionate dal pensiero che la loro amata madre sia morta da sola. “Ciò che ci fa più male, è che non siamo stati in grado di stare al suo capezzale e che doveva essere lasciata morire da sola”, ha detto Josette. “A parte questo, il fatto che non solo non siamo stati in grado di organizzare un funerale per lei, ma non ha nemmeno avuto un funerale decente. Si meritava di meglio”. Di fronte a questa storia triste e dolorante, le parole di papa Francesco durante l’Angelus del 23 agosto 2020 danno conforto e speranza: “E non dimentichiamo, non dimentichiamo le vittime del Coronavirus. Questa mattina ho sentito la testimonianza di una famiglia che ha perso i nonni senza poterli congedare e salutare, nello stesso giorno. Tanta sofferenza, tante persone che hanno perso la vita, vittime della malattia; e tanti volontari, medici, infermieri, suore, sacerdoti, che anche hanno perso la vita. Ricordiamo le famiglie che hanno sofferto per questo”.

di Fra Mario Attard

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*