Coronavirus. Storica tipografia palermitana riconvertita produce visiere protettive: “Così non chiuderemo”

È una storica tipografia palermitana, già alla terza generazione. Ma Zeta Printing non ci ha pensato due volte e ha cambiato pelle. Un’idea per sopravvivere alla crisi: Stiamo già producendo da qualche settimana, vogliamo sopravvivere e, al contempo, essere utili alla comunità”, dice Sergio Zito, titolare quarantaquattrenne. Dal packaging di lusso, per il settore agroalimentare, alle visiere per proteggersi dal Coronavirus. In pochi giorni, ecco una nuova produzione per evitare la crisi e la cassa integrazione. “Non possiamo piangerci addosso – dicono Sergio Zito e la sorella Sonia (che, nelle foto, indossa la visiera) – e, allora, abbiamo trovato qualcosa da far fare ai nostri ragazzi per non lasciarli a casa”. Con l’arrivo della pandemia e il blocco dal 16 marzo in poi di gran parte della produzione, quasi tutti i dipendenti è finito in ferie forzate. Ma la necessità aguzza l’ingegno e, così, nasce l’idea di una visiera protettiva, semplice, ma funzionale. Realizzata in PET (materiale trasparente) dello spessore di 500 micron, sostenuta da un elastico che passa dietro alla testa e tenuta in posizione da una fascetta all’altezza della fronte. “L’abbiamo fatta con materiali che avevamo già in casa e, fortunatamente, con le nuove attrezzature che abbiamo da poco in stabilimento – racconta Zito –. Il principale vantaggio è che si può alzare di novanta gradi senza doversela sfilare e la può indossare agevolmente anche chi porta gli occhiali”.

Alcune strutture sanitarie hanno già preso contatti con Zeta Printing per testare la visiera. Ma è funzionale a uso civile, indispensabile per tutte quelle attività in cui si ha diretto contatto il pubblico”. “Entro la prossima settimana, pensiamo di produrre i primi 2mila pezzi, ad oggi siamo quasi a 500. Per noi, è un prodotto totalmente nuovo, ci stiamo organizzando per essere più veloci possibile e per avere dei costi di produzione quanto più bassi possibile”. In questomodo, non solo i macchinariresteranno in funzione evitando i costi ben più pesanti della chiusura, ma “da lunedì faremo tornare al lavoro parte del personale che avevamo già messo preventivamente in ferie”. “La Face Shield avrà un costo al pubblico di 6 euro iva inclusa – prosegue Zito –, mentre per quanto riguarda la distribuzione stiamo cercando di proporla a farmacie, ferramenta, grande distribuzione e varie aziende dell’industria e dell’artigianato”. Al momento, si può ordinare online sul sito aziendale o sui canali social. Anche il packaging minimal è stato curato dal team della Zeta Printing che lo ha realizzato con una tempistica record.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*