Malta – La Compagnia di Carnevale

Tra la fine degli anni ‘40 e l’inizio degli anni ‘50, il Carnevale veniva celebrato in vari modi; tuttavia, questi possono essere suddivisi in due tipi: i display pubblici nelle strade e gli eventi più limitati, come i balli nei teatri e nei club. In entrambi i casi, i partecipanti sono stati incoraggiati a vestirsi in costume, sia come individui o in società. Anche i veri appassionati del Carnevale hanno sviluppato le proprie danze. In entrambi i casi, i festaioli erano altamente competitivi poiché i loro sforzi venivano giudicati e i premi assegnati. Le feste pubbliche consistevano in una processione di individui e compagnie, alcune a piedi, altre su automobili o carri decorati. In quel periodo, la prima sfilata fu quella tenuta a La Valletta, dove la cavalcata si sarebbe fatta strada lungo Strada Merchanti e Strada Reale (Republic Street) prima di sboccare sulla Piazza del Palazzo St George’s dove le compagnie avrebbero eseguito le loro danze provate per essere giudicate da una distinta giuria: la giuria del concorso di carnevale del 1950, ad esempio, comprendeva Emvin Cremona e il Capitano OF Gollcher.

Oltre agli eventi pubblici, si svolgevano anche numerosi eventi con biglietti: questi erano, principalmente, balli in maschera o mascherati. Come ci si poteva aspettare, questi balli erano organizzati per gruppi di amici o membri delle stesse sezioni della società per mescolarsi e divertirsi. I balli tipici si tenevano negli hotel della prima classe come la Phoenicia e l’Imperial; nei club come il Casino Maltese, Overseas League, Civil Service e Varsity Sports Club; persino, nei teatri come il Teatro Manoel a La Valletta, il Radio City Opera House a Ħamrun e The Orpheum a Gżira, dove si premiavano fino a una somma generosa di £ 30 (Lire Sterline, una grande somma in quei tempi). Un’ampia varietà di associazioni e società organizzava i balli come la Royal Malta Artillery e il Dockyard e gli ex allievi come gli Old Edwardians.

Sebbene i primi anni del dopoguerra fossero caratterizzati da razionamento del cibo e austerità generale, la generazione più giovane non vedeva l’ora di abbandonare l’oscurità della guerra e iniziare a divertirsi. Nonostante la scarsità di materiali, questi giovani appassionati andarono letteralmente in Città a inventare costumi convincenti. Mafine Xuereb aveva 21 anni quando la Seconda Guerra Mondiale era finita. Essa aveva appena completato la sua educazione alla Sacred Heart Convent School di Sliema. Sicuramente, questi erano anni formativi per lei e per i suoi contemporanei che svilupparono strette amicizie che sono ancora molto evidenti a più di 75 anni dopo. Il gruppo socializzava, regolarmente, organizzando passeggiate in campagna, picnic e feste, quindi non sorprende che, nel 1949, vediamo un grande gruppo di loro partecipare a una delle compagnie di Carnevale come tribù di Red Indians (Indiani Rossi), per usare il titolo usato all’epoca. I costumi erano straordinariamente elaborati e comprendevano vernice da guerra, copricapo di piume, tomahawk e, persino, un paio di fasce papoose.

Le compagnie avrebbero partecipato ai balli in luoghi diversi durante il periodo di carnevale e i Red Indians non fecero eccezione. L’obbrobriosa Ape, che riportava nel ‘Heard in the Hive del Sunday Times of Malta, scrisse: “C’era una vera allegria del carnevale alla danza degli Old Edwardian… tenutasi alla Phoenicia, sembrava come se lo stesso Re del Carnevale fosse lì per annunciare nella prima apparizione delle compagnie e presiedere i festeggiamenti. La sala da ballo splendidamente decorata, fiancheggiata da stelle filanti e fiori colorati… faceva da sfondo alle miriadi di ballerini mentre giravano nei loro fantastici costumi. Difficilmente c’era una persona che non fosse in un vestito di fantasia interessante, ma i migliori costumi erano senza dubbio quelli delle compagnie che correvano sul pavimento, nelle varie forme di Red Indians, maschere veneziane, saturnesi, pagliacci da circo …”.

L’anno seguente gli Old Edwardian tenevano nuovamente il loro Ballo Del Carnevale all’Hotel che, secondo l’Ape, era prevedibile, il più piacevole, con una generazione più giovane che fu molto evidente, con un tempo meraviglioso in costume di ogni tipo immaginabile e design. Anche qui i Forresters, danzando con vigore ed evidente godimento, vinsero il primo premio mentre i Kalikonians ricevettero il secondo premio. Nel 1951, molti dello stesso gruppo di amici costituirono i The Coons. Considerando i costumi indossati dalla compagnia, dobbiamo supporre che il nome scelto avesse un significato completamente diverso rispetto a quello che è stato rappresentato oggigiorno; il trucco e il costume non indicano alcuna associazione con il tono razzista della parola nel vocabolario di oggi.

Di particolare interesse è la danza che si chiama il-Maltija (la Maltese). Mentre la Maltija era danzata nel palazzo durante il carnevale, i ricordi tra i membri sopravvissuti di quel epoca indicano che si esibivano non al carnevale ma ai balli di stato, specialmente quelli tenuti per la principessa Elisabetta e il duca di Edimburgo nel 1951 e nel 1954. La contessa Mountbatten organizzò balli di beneficenza a cui invitò un gruppo a ballare. Il gruppo ricevette le sue istruzioni di ballo inizialmente da Lina Ganado (nata Micallef) e, successivamente, da Edward von Brockdorff. Si pensa che i costumi femminili indossati da questo gruppo siano stati creati appositamente per i divertimenti offerti durante la visita della Regina Adelaide a Malta nel 1838. Se questo fosse il caso, un secolo di ballerini deve aver prestato molta attenzione a non danneggiare i loro costumi. La maggior parte delle donne in queste compagnie trovarono coniugi all’interno della compagnia. Ciò porta, quindi, alla conclusione che queste danze di carnevale servivano a un altro scopo, più duraturo, come un’opportunità di incontrarsi, socializzare e trovare il compagno e la compagnia per tutta la vita.

Pertanto, molti degli alunni giovani e scapoli del St. Edward’s College si sono accoppiati, quasi esclusivamente, con le attraenti alunne del Sacred Heart. Mafine Xuereb e Leslie Grech si incontrarono con la loro partecipazione alla compagnia di ballo di Lina Ganado e si sposarono nel maggio del 1951, appena tre mesi dopo aver partecipato insieme a The Coons. Questo era il loro ultimo cappone di carnevale. L’anno seguente nacque la loro primogenita, Dorothy, e la loro attenzione si rivolse a questioni più serie. È stato solo negli anni ‘60 che hanno rivolto nuovamente la loro attenzione al carnevale, questa volta per iniziare i loro figli in una tradizione molto maltese.

di Fra Mario Attard

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*