Lettera aperta del nostro direttore Domenico Interdonato: Solidarietà alla direttrice della Biblioteca Regionale Tommasa Siragusa

Domenico Interdonato e Tommasa Siragusa

La Biblioteca Regionale Universitaria Giacomo Longo di Messina non può restare chiusa, gli sforzi di tutti devono permettere alla storica e pregiata realtà cittadina di riaprire al più presto, alla direttrice Tosi Siragusa va la solidarietà e il mio sostegno. Stiamo attraversando un momento difficile di ripartenza dopo la pandemia che deve essere superato con il supporto e l’attiva sinergia di tutti. Alla direttrice Siragusa, devono essere garantiti dalla Regione i supporti e i presidi necessari alla riapertura. In questi giorni, la stampa cittadina ha trattato l’argomento BRUM e – devo dire con un certo rammarico –mi è sembrato intravedere tra le righe un attacco verso la Siragusa, mentre mi sarebbe piaciuto leggere un appello alle istituzioni mirato alla risoluzione dei problemi.

La Siragusa ha rilevato la direzione della BRUM nel 2018 e si è subito distinta per una grande dinamicità culturale e organizzativa, gli eventi sono stati vari, molto frequentati e apprezzati da tutti, malgrado gli angusti saloni dell’attuale location. Nella sua azione, ha saputo coinvolgere il personale della BRUM, i media con un’adeguata comunicazione e ha allargato il bacino dell’utenza rivolgendosi a studiosi provenienti dall’Italia, dal mondo, a studenti e alla Città, in generale. La BRUM non si può fermare, perché è il volano sul quale ruota la storia e le prospettive del nostro territorio. Alla direttrice Siragusa, in questi giorni sono arrivati tanti attestati di stima da parte di utenti e cittadini che fanno ben sperare, la Città è viva e, malgrado tutto, vuole crescere.

Il mio appello da giornalista, da cittadino e da appassionato è rivolto a tutti i messinesi di buona volontà, perché si faccia squadra a sostegno dell’immenso patrimonio della Biblioteca Regionale che è in continua crescita. Il patrimonio ammonta a circa 500.000 unità bibliografiche, tra le quali 2.062 manoscritti, 423 edizioni del XV secolo, 3.638 edizioni del XVI secolo, 107 pergamene sciolte, una collezione iconografica ricca di 501 stampe rare e di pregio, 2.525 cartoline storiche e 1.833 fotografie, pubblicazioni monografiche e periodiche, una collezione di materiale audio, audiovisivo e multimediale di circa 1.800 unità e 21 archivi biografici in microfiches. La Biblioteca Regionale è in costante relazione con licei e istituti scolastici, in tempi normali svolge tirocini universitari e apre le porte su prenotazione anche a piccoli gruppi che desiderano visitarla e conoscerne da vicino le ricchezze bibliografiche. Inoltre, organizza iniziative culturali gratuite anche in collaborazione con enti pubblici e associazioni culturali (esposizioni, reading, presentazioni libri e convegni). Concludo con una certezza, la BRUM ha quasi tre secoli di storia che nessuno mai potrà cancellare.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*