Un gruppo di professionisti maltesi identifica l’edificio Puttinu nel centro di Londra

Un gruppo di quindici professionisti maltesi a Londra è vicino all’acquisto, per conto di Puttinu Cares, di una proprietà nel centro di Londra composta da 20 appartamenti per pazienti maltesi che viaggiano per cure negli ospedali di Londra. L’architetto Mark Borg – che guida il team multidisciplinare di architetti e avvocati che lavorano a Londra – sta, attualmente, effettuando ricerche in modo che il progetto da 20 milioni di euro diventi realtà. Puttinu Cares è alla ricerca di un edificio nel centro di Londra da oltre quattro anni. L’architetto Borg ha offerto assistenza per l’identificazione dell’edificio per accogliere le famiglie che hanno dei parenti in cura negli ospedali del centro di Londra, compresi i bambini che sono in cura presso l’Ospedale Great Ormond. “Con l’assistenza di questo gruppo che fornisce volontariamente il servizio professionale, stiamo facendo la dovuta diligenza, affinché Puttinu disponga di questa importante proprietà per i pazienti” ha affermato l’architetto Borg.

Una volta acquistato – a parte gli appartamenti Sutton che ospitano 25 famiglie – per la prima volta, Puttinu Cares fornirà ai pazienti maltesi che viaggiano a Londra un alloggio a pagamento in un edificio nel centro di Londra, a breve distanza dagli ospedali dove tra 60 e 90 pazienti sono ammessi ogni mese. “Attualmente, Sutton è pieno; vengono per un trapianto e non abbiamo posto. I pazienti di Sutton vanno lì e quelli ammessi a Great Ormond, National, Moorfields saranno vicini”, ha dichiarato la vicepresidente di Puttini, Angele Cuschieri. Ella ha anche affermato che i pazienti maltesi, insieme alle loro famiglie, spendono per le camere sino a 35 sterline a persona per ogni notte. La Cuschieri ha aggiunto che con il nuovo edificio le famiglie avranno il loro appartamento e saranno a poca distanza dagli ospedali con meno spostamenti, specialmente per le persone con condizioni di salute difficili.

di Fra Mario Attard

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*