L’urgenza di salvare Palazzo Carafa

È chiaro, da recenti notizie di stampa, che il progetto di restauro proposto per Palazzo Carafa, a La Valletta, è stato travisato da alcuni e frainteso da molti. I fatti sono stati sostituiti da congetture e l’obiettivo generale di questa importante iniziativa dell’arcidiocesi di Malta si è perso nella nebbia che ne è seguita. Conoscere e apprezzare la storia di Palazzo Carafa è fondamentale per facilitare la comprensione della questione. La struttura, situata in Old Bakery Street (Via Vecchia Panetteria) è stata edificata nel XVII secolo e prende il nome da Fra D. Carlo Carafa, il proprietario originario, entrato a far parte dell’Ordine di San Giovanni nel 1663 ed è stata acquistata dalla Chiesa nel 1944 grazie all’arcivescovo Michele Gonzi. Palazzo Carafa è stato, nel secolo scorso, un centro di formazione cristiana e il luogo è diventato un fulcro di attività culturali e sociali fino a quando il luogo è caduto in disuso negli ultimi anni. Una grande sala è stata trasformata in un teatro e, in seguito, in un piccolo cinema. È stato assemblato un rudimentale palcoscenico in legno ed è stata, infine, costruita una sala di proiezione con mattoni e cemento. Sebbene queste aggiunte interne portassero intrattenimento a molti in quel momento, una mancanza di consapevolezza allora sui metodi di conservazione significava che gli aspetti vitali del carattere del XVII secolo dell’edificio erano nascosti, compromessi o grossolanamente deturpati. I camini e le lastre di pietra originali erano nascosti dalla struttura del palcoscenico, mentre un arco al piano nobile faceva posto a una galleria di cemento per ospitare una sala proiettori sul retro. Anche lo scopo dell’edificio è diventato superfluo: i cinema affermati di La Valletta, come l’Embassy e il Savoy, sono diventati i luoghi di riferimento per gli amanti del cinema e sono disponibili migliori opzioni per le produzioni teatrali, incluso le nuove strutture dell’Azione Cattolica a Floriana.

Gli anni di disuso non furono gentili con Palazzo Carafa. Si trova in uno stato fatiscente e i suoi soffitti originali in legno e affrescati sono in grande pericolo. Ecco perché la Curia Arcivescovile chiede che il buon senso prevalga consentendo a questa meravigliosa proprietà di essere riportata allo stato originale. Dunque, di fronte a questa realtà, la Curia Arcivescovile, in qualità di proprietaria, aveva tre opzioni tra cui scegliere: vendere l’edificio, lasciarlo chiuso e marcire dall’interno oppure intraprendere un progetto di restauro professionale che riportasse il palazzo al suo antico splendore. Tuttavia, riconoscendo che la diocesi non possiede né le finanze né le competenze per portare a termine tale impresa, la sezione proprietà della Curia ha cercato di collaborare con un investitore che ha una comprovata esperienza nel riportare in vita edifici storici. Il conservatore selezionato, a seguito di un invito pubblico a manifestare interesse 18 mesi fa, non era un semplice investitore, ma ha ricevuto premi da Din l-Art Ħelwa per il restauro del Museo Wignacourt di Rabat e del Priorato Carmelitano, a Mdina, tra gli altri. Ha tanta passione per questo progetto quanto la Chiesa e, soprattutto, è dotato sia dalla competenza che delle risorse per eseguirlo. È stato debitamente firmato un contratto di locazione che limita l’uso dell’edificio a scopi ben precisi, non consente aggiunte come livelli su due livelli anche in stanze con soffitti alti e impone l’obbligo all’investitore di riportare, meticolosamente, il palazzo alle condizioni originali del XVII secolo.

Questo processo richiede la rimozione del palco dismesso che, comunque, era in cattivo stato e della sala proiezioni in cemento. È, quindi, con un senso di costernazione che la Curia arcivescovile si trova nella posizione ironica di dover difendere il meticoloso restauro di un edificio storico! Inoltre, è mistificante che la Soprintendenza per i Beni Culturali emetta un ordine di conservazione per preservare la struttura che ospita l’antica sala di proiezione, che, si ricorda, è una moderna incarnazione in cemento, a scapito dei tesori del palazzo seicenteschi. Sebbene senza dubbio ben intenzionati, coloro che si battono per il mantenimento del palcoscenico in disuso e della sala di proiezione non stanno solo negando all’edificio forse la sua unica opportunità di essere salvato, ma stanno anche perdonando le grossolane corruzioni della sua architettura barocca – come i due orribili archi aggiunto al piano nobile – e l’occultamento o il deturpare di inestimabili caratteristiche del XVII secolo. Anche se si ignorasse il fatto che è stato concesso il permesso ad altri vecchi cinema di La Valletta per far posto a complessi moderni, non si può ancora non giungere alla conclusione che queste aggiunte – che sono arrivate molto più tardi e hanno rovinato il carattere dell’edificio – dovrebbero cedere il passo all’obiettivo più alto e lodevole di riportare il palazzo al suo stato originale.

Nessuno ha sostenuto che l’ex camera del Parlamento di Malta – teatro di così tanti avvenimenti storici – dovesse essere preservata quando è stata presa la decisione di restaurare il Palazzo del Gran Maestro e, nello stesso spirito, non ha senso applicare tale argomento a Palazzo Carafa. La Curia Arcivescovile è, inoltre, più che disponibile a garantire la conservazione delle strutture del XX secolo e si impegna anche a creare uno spazio espositivo all’interno di Palazzo Carafa che dia conto della sua storia fino ad oggi. Tuttavia, è interessante che il buon senso prevalga consentendo a questa meravigliosa proprietà di essere riportata al suo stato originale del XVII secolo. In effetti, qualsiasi decisione contraria costituirebbe un pericoloso precedente per le proprietà storiche in futuro e Malta ha troppi edifici preziosi che richiedono un restauro fedele per consentire che ciò avvenga.

di Fra Mario Attard

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*