Danneggiate le docce installate a Capo Peloro

La scorsa notte qualcuno ha ben pensato di danneggiare le docce che l’AMAM ha installato a Capo Peloro, ma stamattina sono risultate totalmente rotte con i tubi divelti a terra, dunque, inutilizzabili. La Polizia Municipale è, immediatamente, intervenuta e, grazie all’acquisizione dei filmati delle telecamere, procederà all’individuazione del responsabile… pare che si tratti di un ‘buontempone’ che avrebbe scambiato l’impianto doccia per una palestra e che, appendendosi ai bracci per ostentare la prestanza fisica, abbia, invece, rotto l’impianto, lasciandolo nelle condizioni in cui è stato trovato questa mattina.

Questa ‘bravata’ notturna – sottolinea l’assessore alla Polizia Municipale, Dafne Musolino – costituisce una precisa fattispecie di reato, denominato danneggiamento. Nel caso di specie, anche aggravato dal fatto che è stato rovinato un impianto destinato a pubblico servizio. Dopo gli accertamenti della Polizia Municipale sezione di PG è, prontamente, intervenuta l’AMAM che ha già ripristinato l’impianto per essere pienamente fruibile. Ovviamente, si procederà a formalizzare informativa alla Procura della Repubblica per l’accertamento e la condanna del responsabile. Il Comune chiederà anche il risarcimento dei danni, perché chi rompe paga e non sono tollerabili simili gesti di totale spregio delle cose pubbliche poste a servizio della collettività che, nella fattispecie, viene privata di un impianto destinato a pubblico servizio. Chiunque possieda informazioni o filmati al riguardo è invitato a fornirli alla Polizia Municipale per contribuire a dare un segnale positivo: Messina è dei messinesi e delle persone che, con buona volontà, impegno e dedizione, si adoperano tutti i giorni per renderla migliore, e farla tornare a essere bella, protagonista e produttiva. Si ringrazia – conclude l’assessore – la Polizia Municipale per il pronto intervento e l’AMAM per la consueta speditezza con la quale ha eseguito i lavori”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*